Controllo dell'adsorbitore. 3 modi per controllare l'adsorbitore

Molti proprietari di auto potrebbero essere interessati alla domanda se come controllare l'adsorbitore e la sua valvola di spurgo quando la diagnostica ha mostrato il suo malfunzionamento (è apparso un errore dell'assorbitore). È del tutto possibile fare una diagnosi del genere in condizioni di garage, tuttavia, per questo sarà necessario smantellare completamente l'adsorbitore o solo la sua valvola. E per eseguire tale controllo, avrete bisogno di attrezzi da fabbro, un multimetro multifunzionale (per misurare il valore di isolamento e "continuità" dei fili), una pompa e un alimentatore da 12 V (o una batteria simile).

Soddisfare

  • Cos'è un adsorbitore
  • Come determinare esternamente il malfunzionamento
  • Come controllare l'adsorbitore
  • Come controllare la valvola dell'adsorbitore
  • Riparazione dell'adsorbitore e della sua valvola

Come controllare l'adsorbitore

A cosa serve un adsorbitore?

Prima di passare alla questione di come controllare il funzionamento dell'adsorbitore, soffermiamoci brevemente sulla descrizione del funzionamento del sistema di recupero dei vapori di benzina (in inglese chiamato Evaporative Emission Control - EVAP). Ciò fornirà una comprensione più chiara delle funzioni sia dell'adsorbitore che della sua valvola. Quindi, come suggerisce il nome, il sistema EVAP è progettato per intrappolare i vapori di benzina e impedire loro di entrare nell'aria ambiente incombusta. I vapori si formano nel serbatoio del carburante quando la benzina si riscalda (il più delle volte se parcheggiata a lungo sotto il sole cocente nella stagione calda) o quando la pressione atmosferica scende (molto raramente). Il compito del sistema di recupero dei vapori di carburante è di restituire questi stessi vapori al collettore di aspirazione del motore e bruciarli insieme alla miscela aria-carburante. Di norma, un tale sistema è installato su tutti i moderni motori a benzina in conformità con lo standard ambientale Euro-3 (adottato nell'Unione Europea nel 1999).

Il sistema EVAP è costituito dai seguenti elementi:

  • adsorbitore di carbone;
  • un'elettrovalvola di spurgo dell'adsorbitore;
  • collegamento delle condutture.

Sono inoltre presenti cablaggi aggiuntivi che conducono dalla centralina elettronica di controllo del motore (ECU) a detta valvola. Con il loro aiuto, viene fornito il controllo di questo dispositivo. Per quanto riguarda l'adsorbitore, ha tre connessioni esterne:

  • con un serbatoio del carburante (attraverso questa connessione, i vapori di benzina formati entrano direttamente nell'adsorbitore);
  • con un collettore di aspirazione (con il suo aiuto, l'adsorbitore viene spurgato);
  • con aria atmosferica attraverso il filtro del carburante o una valvola separata al suo ingresso (fornisce una pressione differenziale, necessaria per spurgare l'adsorbitore).
Si noti che sulla maggior parte dei veicoli, il sistema EVAP viene attivato solo quando il motore è caldo ("caldo"). Cioè, a motore freddo, così come al minimo, il sistema è inattivo.

L'adsorbitore è una specie di barile (o una nave simile), che viene riempita di carbone macinato, in cui, infatti, i vapori di benzina si condensano, dopodiché, a seguito del soffio, vengono inviati alla rete elettrica dell'auto. Il funzionamento lungo e senza problemi dell'adsorbitore è possibile solo con una ventilazione regolare e sufficiente. Di conseguenza, controllare l'adsorbitore di un'auto significa verificarne l'integrità (poiché la carrozzeria può arrugginire) e la capacità di condensare i vapori di benzina. Anche i vecchi adsorbitori fanno passare il carbone al loro interno attraverso il loro sistema, che intasa sia il sistema che la loro valvola di spurgo.

Controllo della valvola dell'adsorbitore con un multimetro

L'elettrovalvola di spurgo del canister spurga direttamente il sistema dai vapori di benzina presenti in esso.Questo viene fatto aprendolo su comando dalla ECU, cioè la valvola è un attuatore. Si trova nella tubazione tra l'adsorbitore e il collettore di aspirazione.

Per quanto riguarda il controllo della valvola dell'adsorbitore, in primo luogo, viene verificato il fatto che non sia ostruita da polvere di carbone o altri detriti che possono entrare nel sistema di alimentazione quando viene depressurizzato dall'esterno, così come il carbone dall'adsorbitore. In secondo luogo, viene verificata la sua prestazione, ovvero la possibilità di apertura e chiusura su comando proveniente dalla centralina elettronica del motore. Inoltre viene verificata non solo la presenza dei comandi stessi, ma anche il loro valore, che si esprime nel tempo durante il quale la valvola deve essere aperta o chiusa.

È interessante notare che nei motori dotati di turbocompressore non viene creata alcuna depressione nel collettore di aspirazione. Pertanto, affinché il sistema funzioni al suo interno è prevista un'altra valvola a due vie, che innesca e dirige i vapori del carburante al collettore di aspirazione (se non c'è pressione di sovralimentazione) o all'ingresso del compressore (se c'è pressione di sovralimentazione).

Si noti che il controllo dell'elettrovalvola dell'adsorbitore viene eseguito dall'unità elettronica sulla base di una grande quantità di informazioni dai sensori di temperatura, flusso d'aria di massa, posizione dell'albero motore e altri. In effetti, gli algoritmi con cui vengono costruiti i programmi corrispondenti sono piuttosto complicati. È importante sapere che maggiore è il consumo d'aria del motore, maggiore è la durata degli impulsi di controllo dalla ECU alla valvola e più forte è lo spurgo dell'adsorbitore.

Cioè, non è la tensione applicata alla valvola che è importante (è standard ed è uguale alla tensione totale nella rete elettrica automobilistica), ma la sua durata. Esiste un "ciclo di lavoro di spurgo dell'adsorbitore". È scalare e varia dallo 0% al 100%. Una soglia zero indica che non vi è alcuno spurgo, rispettivamente, 100% significa che l'adsorbitore viene spurgato il più possibile in un dato momento. Tuttavia, in realtà, questo valore è sempre una via di mezzo e dipende dalle condizioni operative della macchina.

Inoltre, il concetto di ciclo di lavoro è interessante in quanto può essere misurato utilizzando programmi diagnostici speciali su un computer. Esempi di tale software sono Chevrolet Explorer o OpenDiag Mobile. Quest'ultimo è perfetto per controllare l'adsorbitore di auto domestiche VAZ "Priora", "Kalina" e altri modelli simili. Si noti che è necessario uno scanner aggiuntivo per lavorare con l'applicazione mobile, ad esempio ELM 327.

Segni esterni di malfunzionamento

Prima di controllare la valvola di spurgo dell'adsorbitore, così come l'adsorbitore stesso, sarà probabilmente utile scoprire quali segni esterni sono accompagnati da questo fatto. Esistono numerosi segni indiretti, che tuttavia possono essere causati da altri motivi. Tuttavia, quando si identificano, ha senso controllare anche il funzionamento del sistema EVAP, nonché i suoi elementi costitutivi.

  1. Funzionamento instabile del motore al minimo (il numero di giri "galleggia" al punto che l'auto si avvia e va in stallo, poiché funziona con una miscela magra aria-carburante).
  2. Un leggero aumento del consumo di carburante, soprattutto quando il motore è "caldo", cioè in uno stato caldo e / o nel caldo clima estivo.
  3. È difficile avviare il motore di un'auto "a caldo", di solito è impossibile avviarlo la prima volta. E allo stesso tempo, lo starter e gli altri elementi che accompagnano il lancio sono funzionanti.
  4. La perdita di potenza è molto evidente quando il motore funziona a bassi regimi. E a regimi più elevati si avverte anche una diminuzione del valore di coppia.

In alcuni casi, si nota che in caso di malfunzionamento del sistema di recupero dei vapori di benzina, l'odore di carburante potrebbe entrare nell'abitacolo.Ciò è particolarmente vero quando i finestrini anteriori sono aperti e / o quando l'auto rimane a lungo in un box chiuso o in un garage con scarsa ventilazione. La depressurizzazione del sistema di alimentazione, la comparsa di piccole crepe sulle linee del carburante, tappi e così via contribuiscono al cattivo funzionamento del sistema.

Come controllare l'adsorbitore

Ora passiamo direttamente all'algoritmo per il controllo dell'adsorbitore (il suo altro nome è l'accumulatore di vapori di carburante). Il compito principale in questo caso è determinare quanto sia stretto il suo corpo e se non lascia vapori di carburante nell'atmosfera. Quindi, il controllo deve essere eseguito secondo il seguente algoritmo:

Alloggiamento della scatola metallica

  • Scollegare il terminale negativo dalla batteria del veicolo.
  • Scollegare tutti i tubi flessibili e i contatti che conducono ad esso dall'adsorbitore, quindi smontare direttamente l'accumulatore di vapori di carburante. Per macchine diverse, questa procedura avrà un aspetto diverso, a seconda della posizione dell'unità e dei mezzi di montaggio con cui è stata fissata.
  • È necessario tappare saldamente (sigillare) i due raccordi. Il primo va direttamente all'aria atmosferica, il secondo va alla valvola di spurgo elettromagnetica.
  • Successivamente, utilizzando un compressore o una pompa, applicare una piccola pressione d'aria al raccordo che va al serbatoio del carburante. Non esagerare con la pressione! Un adsorbitore riparabile non dovrebbe fuoriuscire dalla custodia, cioè essere sigillato. Se vengono rilevate tali perdite, molto probabilmente è necessario sostituire l'unità, poiché non è sempre possibile ripararla. In particolare, questo è particolarmente vero se l'adsorbitore è di plastica.

È inoltre imperativo eseguire un'ispezione visiva dell'adsorbitore. Ciò è particolarmente vero per il suo corpo, in particolare, i centri di ruggine su di esso. Se si verificano, è consigliabile smontare l'adsorbitore, eliminare i fuochi menzionati e dipingere la custodia. È imperativo verificare se il carbone dall'accumulatore di vapori di carburante sta perdendo nelle linee EVAP. Questo può essere fatto controllando le condizioni della valvola dell'adsorbitore. Se contiene il suddetto carbone, è necessario sostituire il separatore di schiuma nell'adsorbitore. Tuttavia, come dimostra la pratica, è ancora meglio sostituire completamente l'adsorbitore piuttosto che impegnarsi in riparazioni autoprodotte che non portano al successo a lungo termine.

Come controllare la valvola dell'adsorbitore

Se dopo aver verificato si è scoperto che l'adsorbitore è in uno stato più o meno operativo, ha senso controllare la sua elettrovalvola di spurgo. Va notato subito che per alcune macchine, per via del loro design, alcune azioni saranno differenti, alcune di esse sono presenti o assenti, tuttavia, in generale, la logica di verifica rimarrà sempre la stessa. Quindi, per controllare la valvola dell'adsorbitore, è necessario eseguire i seguenti passaggi:

Valvola adsorbitore

  • Verificare visivamente l'integrità dei tubi in gomma inclusi nel sistema di recupero vapori carburante, in particolare quelli direttamente collegati alla valvola. Devono essere intatti e garantire la tenuta del sistema.
  • Scollegare il terminale negativo dalla batteria. Questo viene fatto per prevenire falsi allarmi della diagnostica del sistema e per inserire le informazioni sugli errori corrispondenti nella centralina elettronica.
  • Rimuovere l'assorbitore (solitamente si trova sul lato destro del motore, nella zona in cui sono installati gli elementi del sistema aria, in particolare il filtro aria).
  • Scollegare l'alimentazione elettrica alla valvola stessa. Questo viene fatto rimuovendo il connettore elettrico da esso (il cosiddetto "chip").
  • Scollegare i tubi di ingresso e uscita dell'aria dalla valvola.
  • Utilizzando una pompa o una lampadina medica, provare a soffiare aria nel sistema attraverso la valvola (nei fori per i tubi). In questo caso, è importante garantire la tenuta della fornitura d'aria.Per fare questo, puoi usare morsetti o un tubo di gomma spesso.
  • Se tutto è in ordine con la valvola, sarà chiusa e non sarà possibile soffiare aria attraverso. In caso contrario, la sua parte meccanica è guasta. Puoi provare a ripristinarlo, ma non è sempre possibile.
  • È necessario applicare corrente elettrica ai contatti della valvola dall'alimentatore o dall'accumulatore tramite fili. Nel momento in cui il circuito si chiude, dovresti sentire un clic caratteristico, che segnala che la valvola ha funzionato e si è aperta. Se ciò non è accaduto, allora forse invece di un guasto meccanico, si verifica uno elettrico, in particolare, la sua bobina elettromagnetica si è bruciata.
  • Con la valvola collegata a una fonte di corrente elettrica, provare a soffiare aria al suo interno come descritto sopra. Se è riparabile e di conseguenza aperto, dovrebbe funzionare senza problemi. Se non è possibile pompare attraverso l'aria, la valvola è guasta.
  • Successivamente, è necessario ripristinare l'alimentazione dalla valvola e ci sarà di nuovo un clic, segnalando che la valvola si è chiusa. Se ciò accade, la valvola funziona.

Inoltre, la valvola dell'adsorbitore può essere controllata utilizzando un multimetro multifunzionale, commutato alla modalità ohmmetro, un dispositivo per misurare il valore di resistenza di isolamento dell'avvolgimento elettromagnetico della valvola. Le sonde del dispositivo devono essere posizionate ai morsetti della bobina (i punti in cui ad essa sono collegati i fili provenienti dalla centralina elettronica, esistono varie soluzioni progettuali), e verificare la resistenza di isolamento tra di loro. Per una valvola normale e riparabile, questo valore dovrebbe essere approssimativamente compreso tra 10 ... 30 Ohm o leggermente diverso da questo intervallo. Se il valore della resistenza è piccolo, significa che c'è una rottura della bobina elettromagnetica (cortocircuito interturn). Se il valore di resistenza è molto grande (calcolato in kilo e persino megaohm), si verifica una rottura della bobina elettromagnetica. In entrambi i casi, la bobina, e quindi la valvola, saranno inutilizzabili. Se è sigillato nel corpo, l'unica via d'uscita dalla situazione è sostituire completamente la valvola con una nuova.

Si prega di notare che alcuni veicoli consentono un valore elevato della resistenza di isolamento sulla bobina della valvola (in particolare, fino a 10 kOhm). Controlla queste informazioni nel manuale della tua auto.

Quindi, per sapere come controllare se la valvola dell'adsorbitore funziona, è necessario smontarla e controllarla in un garage. L'importante è sapere dove si trovano i suoi contatti elettrici, nonché eseguire una revisione meccanica del dispositivo.

Come riparare l'adsorbitore e la valvola

Va notato subito che sia l'adsorbitore che la valvola non possono essere riparati nella maggior parte dei casi, rispettivamente, devono essere sostituiti con nuove unità simili. Tuttavia, per quanto riguarda l'adsorbitore, in alcuni casi, nel tempo, la gommapiuma nel suo corpo decade, a causa della quale il carbone in esso intasa le tubazioni e l'elettrovalvola del sistema EVAP. La decomposizione della gommapiuma si verifica per motivi banali: dalla vecchiaia, ai costanti sbalzi di temperatura, all'esposizione all'umidità. Puoi provare a sostituire il separatore di gommapiuma dell'adsorbitore. Tuttavia, questo non può essere fatto con tutte le unità, alcune di esse non sono separabili.

Se il corpo dell'adsorbitore è corroso o marcio (di solito anche per vecchiaia, sbalzi di temperatura, esposizione costante all'umidità), puoi provare a ripristinarlo, ma è meglio non tentare il destino e sostituirlo con uno nuovo.

Controllo della valvola utilizzando un test fatto in casa

Lo stesso ragionamento vale per l'elettrovalvola del sistema di recupero vapori di benzina. La maggior parte di queste unità non sono separabili.Cioè, la bobina elettromagnetica è sigillata nella sua custodia e se si guasta (rottura dell'isolamento o rottura dell'avvolgimento), non sarà possibile sostituirla con una nuova. Allo stesso modo con una molla restituibile. Se si è indebolito nel tempo, puoi provare a sostituirlo con uno nuovo, ma questo non è sempre possibile. Ma nonostante ciò, è comunque meglio eseguire una diagnosi dettagliata dell'adsorbitore e della sua valvola per evitare costosi acquisti e riparazioni.

Alcuni proprietari di auto non vogliono prestare attenzione alla riparazione e al ripristino del sistema di recupero dei vapori di benzina e semplicemente "attutirlo". Tuttavia, questo approccio non è razionale. In primo luogo, influisce davvero sull'ambiente, e questo è particolarmente evidente nelle grandi aree metropolitane, che già non si distinguono per la pulizia dell'ambiente. In secondo luogo, se il sistema EVAP non funziona correttamente o non funziona affatto, il vapore di benzina sotto pressione uscirà periodicamente da sotto il tappo del serbatoio del gas. E questo accadrà tutte le volte che la temperatura nel volume del serbatoio del gas è alta. Questa situazione è pericolosa per diversi motivi.

In primo luogo, la tenuta del coperchio del serbatoio è rotta, in cui il sigillo si rompe nel tempo e il proprietario dell'auto dovrà probabilmente acquistare periodicamente un nuovo coperchio. In secondo luogo, i vapori di benzina non solo hanno un odore sgradevole, ma sono anche dannosi per il corpo umano. E questo è pericoloso, a condizione che la macchina sia parcheggiata in un locale chiuso con scarsa ventilazione. In terzo luogo, i vapori di carburante sono semplicemente esplosivi e se lasciano il serbatoio del gas mentre c'è una fonte di fuoco aperto vicino all'auto, si verifica una situazione di pericolo di incendio con conseguenze molto tristi. Non è quindi necessario "inceppare" il sistema di recupero vapori del carburante, è invece meglio mantenerlo in buono stato di funzionamento e monitorare l'adsorbitore e la sua valvola.

Conclusione

Il controllo dell'adsorbitore, così come della sua valvola di spurgo elettromagnetica, non è un grosso problema, anche per i proprietari di auto alle prime armi. La cosa principale è sapere dove si trovano i nodi indicati in una particolare macchina e come sono collegati. Come dimostra la pratica, se sia l'una che l'altra unità si guastano, non possono essere riparate, quindi devono essere sostituite con nuove. Per quanto riguarda l'opinione che il sistema di recupero dei vapori di carburante debba essere attutito, può essere attribuita a delusioni. Il sistema EVAP deve funzionare normalmente e garantire non solo il rispetto dell'ambiente, ma anche il funzionamento sicuro dell'auto in varie condizioni.