Come caricare correttamente la batteria (per quanto tempo, con quale corrente e voltaggio), come caricare una batteria al gel e al calcio che non richiede manutenzione

Di, come caricare una batteria per auto ogni proprietario di auto dovrebbe sapere. Ciò è necessario non solo per aumentare la durata della batteria, ma anche per garantire la sicurezza dell'intero sistema elettrico automobilistico. La risposta alla domanda su come caricare correttamente la batteria dipende da diversi fattori, tra cui il tipo di batteria, la sua capacità, il valore della corrente e della tensione per cui è progettata la batteria e così via. Imparerai tutto questo se leggerai questo materiale fino alla fine.

Soddisfare:

  • Nozioni di base sulla ricarica
  • Quando caricare la batteria
  • Posso caricare senza rimuovere
  • Come caricare una batteria al calcio
  • Ricarica della batteria al gel
  • Come caricare un ABK ibrido
  • Carica batteria AGM
  • Batteria esente da manutenzione

Come caricare una batteria per auto

Come caricare correttamente la batteria dell'auto

Prima di passare a consigli e raccomandazioni pratici, è necessario soffermarsi brevemente sulle questioni teoriche. Quindi, per le batterie ricaricabili, vengono caricate in uno dei due modi possibili: utilizzando corrente continua e utilizzando una tensione costante. Consideriamo ciascuno di essi separatamente.

Ricarica DC

Come suggerisce il nome, viene utilizzato un caricatore variabile per impostare il valore della corrente di carica pari al 10% della capacità della batteria (ad esempio, una batteria per auto tradizionale con una capacità di 60 Ah viene caricata con una corrente costante pari a 6 Ampere). In questo caso, il valore della tensione cambierà durante la carica.

Tra gli svantaggi di questo metodo, si nota che è necessario correggere periodicamente (circa una volta ogni una o due ore) il valore corrente, che può anche cambiare. Come per i vecchi accumulatori sottoposti a manutenzione, il gas verrà rilasciato dal loro elettrolita e più la batteria è carica, più intensa sarà l'emissione di gas. A proposito, un'intensa evoluzione di gas dall'elettrolito è uno dei segni che la batteria è completamente carica.

Inizialmente, la tensione fornita dal caricabatterie sarà relativamente bassa e aumenterà man mano che si carica. Nel momento in cui la tensione raggiunge il livello di 14,4 Volt, è necessario ridurre la corrente della metà (se era pari a 6 Ampere, deve essere ridotta a 3 Ampere). Il processo di carica deve essere eseguito prima dell'inizio dell'evoluzione intensiva del gas dall'elettrolita. Quando la tensione raggiunge i 15 Volt, il valore di corrente deve essere ridotto di altre due volte (fino a 1,5 Amp nell'esempio fornito). Quindi è necessario continuare fino a quando la tensione raggiunge un valore costante e smette di aumentare. Il secondo segnale che la batteria è completamente carica sarà il fatto che i valori di tensione e corrente non cambiano per una o due ore. Quanto tempo per caricare può essere calcolato su una calcolatrice speciale:

Carica a tensione costante

Un altro metodo di ricarica consiste nell'impostare una tensione costante sul caricatore. Questo valore dipende dal tipo di batteria. Al momento di collegare la batteria al caricabatterie, il valore corrente sarà massimo (e sarà tanto più la batteria sarà scarica). Di norma, i caricabatterie hanno soluzioni circuitali che limitano fortemente la corrente di carica a un intervallo di circa 20 ... 25 Ampere. Questo viene fatto per mantenere sia il caricabatterie che la batteria in buone condizioni di funzionamento. Man mano che la carica procede, la tensione ai terminali della batteria si avvicina a quella fornita dal caricabatterie e il valore di corrente si avvicina a zero. Ciò avviene in modo esponenziale.

La scelta del valore di tensione costante dipende dal grado di scarica della batteria. Ad esempio, a una tensione di 14,4 Volt, la batteria verrà caricata del 75 ... 85% in un giorno. A una tensione di 15 Volt - dell'85 ... 90% ea 16 Volt - del 95 ... 97%. Per caricare completamente la batteria in un giorno, è necessaria una tensione di circa 16,3 ... 16,4 Volt. Si noti che per molte batterie moderne che non richiedono manutenzione esiste un limite di tensione artificiale, ad esempio, pari a 14,4 Volt. In queste condizioni, sarà necessario più di un giorno per caricare completamente la batteria.

Come caricare la batteria dell'auto

Indipendentemente dal tipo di batteria, per caricarla, è necessario utilizzare una sorgente di corrente costante (tensione costante) con la possibilità di regolare questi valori. È meglio usare caricatori speciali per questo, venduti nei negozi o nei mercati di auto. È importante che il caricabatterie progettato per caricare la batteria, valutato per una tensione di 12 Volt CC, consenta di aumentare la tensione di carica fino a un valore di 16 ... 16,5 Volt. Ciò è necessario in considerazione del fatto che altrimenti non sarà possibile caricare fino al limite (al 100% della sua capacità) una moderna batteria esente da manutenzione.

Batteria (batteria dell'auto)

Una batteria per auto (AKB) è una fonte di energia per un'auto che è responsabile dell'avviamento del motore. I principali difetti sono solfatazione, ossidazione dei terminali, cortocircuito. Viene controllato con un multimetro e caricato con corrente o tensione costante.

Più dettagli

Per cominciare, considera il tipo più semplice di batteria: "antimonio" (l'antimonio viene aggiunto al materiale della lastra) e "ibrido" (antimonio, calcio e talvolta argento vengono aggiunti al materiale della lastra). Di conseguenza, un caricabatterie convenzionale è adatto per caricarli. La corrente di carica deve essere selezionata in base alla capacità della batteria, deve essere il 10% del suo valore (ad esempio, una batteria da 60 Ah deve essere caricata con una corrente costante di 6 Ampere). In questo caso, il valore della tensione costante dovrebbe essere compreso tra 13,8 e 14,5 volt. Durante la carica, il valore corrente scenderà e ciò avverrà in modo esponenziale. Questo fatto è anche la risposta alla domanda: per quanto tempo caricare la batteria. Di conseguenza, la durata del processo di caricamento dipende da diversi fattori:

  • capacità della batteria;
  • il grado della sua scarica;
  • potenza del caricatore;
  • condizioni tecniche generali della batteria.

Maggiore è la corrente di carica, più velocemente si caricherà la batteria. Tuttavia, in questo caso, anche la probabilità del suo scarico sarà maggiore. Pertanto, molti automobilisti impostano il valore di corrente nella regione di circa 2 Ampere (circa e dipende dalla capacità) e lasciano la batteria con un caricabatterie durante la notte (circa 6 ... 10 ore). Questo approccio eliminerà il "sovraccarico", che è molto dannoso per la batteria, e fornirà anche una ricarica migliore (in futuro, la batteria manterrà la sua carica più a lungo).

Si ricorda che prima del processo di ricarica, si consiglia di pulire i terminali della batteria da placca e ruggine (se presente), anche se a scopo preventivo. Ciò fornirà un migliore contatto elettrico. E dopo la ricarica, è consigliabile elaborare i terminali della batteria con mezzi speciali per questo.

Il livello di carica della batteria deve essere monitorato regolarmente e il valore corrispondente deve essere verificato almeno una volta al mese. Inoltre, questo non dipende dal periodo dell'anno e dalla temperatura ambiente, anche se è con il freddo che i problemi con la batteria sorgono molto più spesso.

Prima del processo di carica, è necessario svitare i tappi su ciascuna delle lattine (per batterie revisionate), e rimuovere anche il tappo per garantire la libera fuoriuscita dei vapori dell'elettrolito e non creare una pressione eccessiva all'interno della batteria. Dopo aver rimosso i tappi, controllare il livello dell'elettrolito in ciascuna lattina.Se il suo livello è basso, è necessario aggiungere acqua distillata all'interno fino a coprire completamente le piastre della batteria.

Caratteristiche della manutenzione della batteria dell'auto

Un insieme di istruzioni per la corretta manutenzione di vari tipi di batterie per auto. Caratteristiche della manutenzione delle batterie all'elio, alcaline e acide

Più dettagli

Non è desiderabile caricare le batterie servite a casa, poiché durante il processo di ebollizione dell'elettrolito viene rilasciato un gas dannoso per il corpo umano (è esplosivo ad alte concentrazioni). Di conseguenza, è consigliabile caricare in un garage o in un'area ben ventilata. Per quanto riguarda le batterie esenti da manutenzione (non possono svitare le spine sulle sponde), possono essere ricaricate in appartamento, poiché lo stesso gas non viene rilasciato in condizioni di carica normali.

Quando caricare la batteria

Prima di caricare la batteria, è necessario assicurarsi che sia effettivamente scarica. Ci sono diversi modi per farlo:

  • Misurazione della tensione ai terminali... Questo può essere fatto utilizzando un voltmetro a tensione costante, in altre parole, un multimetro elettronico o un tester per puntatori. Per le batterie standard utilizzate nella maggior parte delle autovetture, la tensione standard è di 12 V. In pratica, tuttavia, è leggermente diversa dal valore nominale. Quindi, un valore pari a 12,7 V indica al proprietario dell'auto che il livello di carica della batteria è del 100% e, di conseguenza, non è necessario caricarlo. Se la tensione misurata è 12,2 V, significa che il livello di carica è di circa il 50%. E se la tensione scende a 11,6 ... 11,7 V, significa che la batteria è quasi completamente scarica e necessita di una ricarica aggiuntiva.
  • Misurazione del valore della densità dell'elettrolita... Tuttavia, questo metodo di prova è possibile solo per le cosiddette batterie riparabili, cioè in cui è possibile raggiungere i contenitori dell'elettrolito (e aggiungerlo se necessario). Per misurare la densità, viene utilizzato un dispositivo speciale: un idrometro. La densità dell'elettrolita dovrebbe essere di circa 1,27 g / cm³. Se è notevolmente inferiore, la batteria dovrebbe essere caricata con un caricabatterie. In quelli non presidiati è presente una finestra speciale in cui verranno visualizzati 3 stadi di densità.
  • Problemi con l'avviamento del motore... Uno dei motivi per cui il motorino di avviamento non gira e ci sono problemi con l'avviamento del motore è proprio lo scarico della batteria. Questo di solito è accompagnato da problemi nel lavoro di altri consumatori di elettricità nell'auto: illuminazione, sistema audio e così via.
In una batteria scarica, le sue piastre di piombo sono solfatate, il che porta a una forte diminuzione della sua durata, cioè la durata.

È possibile caricare la batteria dell'auto

Molti automobilisti, in particolare i principianti, sono interessati alla domanda se sia possibile caricare la batteria senza rimuoverla dall'auto. È importante separare i concetti qui. Per quanto riguarda la sua rimozione fisica (ad esempio, il trasferimento più vicino al caricatore), la ricarica può essere eseguita direttamente presso la sua sede. Tuttavia, se si tratta di scollegare i terminali delle auto, è necessario farlo! È particolarmente necessario scollegare il terminale negativo, sebbene entrambi siano migliori. Ciò è dovuto al fatto che anche in una situazione in cui il motore non viene avviato, la corrente elettrica dalla batteria entra comunque nell'impianto elettrico della macchina, alimentando gli elementi corrispondenti.

Innanzitutto, durante la carica, parte dell'energia elettrica della batteria entrerà nel sistema. Ciò aumenterà naturalmente il tempo di ricarica. In secondo luogo, c'è sempre il rischio di un picco di tensione o altri problemi simili, che possono influire negativamente sullo stato degli elementi dell'impianto elettrico dell'auto.Ciò è particolarmente vero per le auto costose (business e premium class), nel cui design c'è molta elettronica integrata. Sarà solo a rischio.

Come caricare una batteria al calcio

Le batterie al calcio (denominate anche Ca-Ca) sono praticamente esenti da manutenzione e relativamente nuove per il mercato automobilistico. Hanno molti vantaggi (correnti di avviamento elevate, capacità significativa, l'elettrolita non evapora da loro), ma hanno anche degli svantaggi. Uno di questi è che se vengono caricati in modo errato, dopo 3 ... 4 cicli di scarica profonda, la loro capacità diminuisce in modo significativo. Di conseguenza, il processo di ricarica è fondamentale per loro.

Poiché le batterie al calcio sono realizzate utilizzando una tecnologia speciale, hanno un processo di ricarica speciale. Quindi, per questo è necessario utilizzare caricabatterie in grado di fornire una corrente elettrica costante con un intervallo di tensione di 16,1 ... 16,5 Volt. Di conseguenza, se un qualsiasi alimentatore produce un valore di tensione massimo pari a 14,8 Volt, e poi viene "interrotto" dall'elettronica, la batteria verrà caricata al 45 ... 50% della sua capacità. Se lo stesso valore è uguale a 15,5 Volt, la carica avverrà al 70 ... 80% della capacità. Di conseguenza, non sarà mai possibile raggiungere una normale carica del 100% (un ottimo caricatore per caricare le batterie al calcio è "Orion Vympel-55" con ciclo programmabile).

È interessante notare che i generatori elettrici delle moderne autovetture non sono in grado di produrre una tensione così alta. Di solito non supera i 15 volt. Di conseguenza, la batteria al calcio non può essere caricata mentre è installata nell'auto. Il generatore semplicemente non gli consente di scaricarsi. Tuttavia, dati i rigidi inverni domestici, le condizioni di esercizio fredde e difficili possono fare il loro lavoro "sporco" e scaricare la batteria al calcio. Pertanto, deve essere ricaricato periodicamente (circa una volta al mese)! Tuttavia, per questo è necessario disporre di un caricabatterie con modalità programmabili. È necessario ricaricare secondo il seguente algoritmo:

  • Impostare la tensione sul caricabatterie a 16,1 Volt. Il valore corrente sarà pari al 10% della capacità della batteria (ad esempio, se la capacità della batteria è 60 Ah, il valore corrente sarà 6 Ampere).
  • In questa modalità, è necessario caricare la batteria fino a quando il valore della corrente di carica non scende a 0,5 Ampere. Potrebbero essere necessari diversi minuti o diverse ore, tutto dipende dalla batteria scarica, dalla sua capacità e dalle condizioni tecniche generali.
  • Installa due modalità. Quello superiore è il valore di tensione di 16,1 Volt e 3 Ampere. Inferiore: 13,2 Volt e 0 Ampere.
  • Organizza il cosiddetto "swing". Il loro significato è che a una corrente di 3 Ampere, il valore della tensione sale gradualmente fino a un valore di 16,1 Volt. Quando viene raggiunto questo valore, la corrente scompare (pari a zero) e la tensione scende gradualmente fino a un valore di 13,2 Volt. Inoltre, la corrente viene nuovamente impostata pari a 3 Ampere e la tensione sale nuovamente a 16,1 Volt. Poi tutto si ripete.
  • Man mano che la batteria si carica, i tempi di commutazione diminuiranno. Inizialmente, il processo di aumento della tensione sarà di diverse decine di minuti e il tempo di diminuzione sarà molto veloce. Tuttavia, nel tempo, si verificherà la situazione opposta. Cioè, una caduta di tensione a 13,2 Volt si allungherà per minuti e un aumento a 16,1 Volt sarà inferiore a un minuto. Questa situazione segnala che la batteria al calcio è completamente carica.

Come caricare una batteria al gel

Le batterie al gel sono un altro tipo di batterie moderne che presentano vantaggi rispetto alle tradizionali batterie ad acido (sono denominate GEL). Fondamentalmente, vengono utilizzati come alimentazione per il sistema multimediale di auto e batterie per scooter, moto, ATV.Possono anche essere utilizzati in gruppi di continuità (UPS) per computer, caldaie a gas e altri elettrodomestici. I vantaggi delle batterie al gel includono:

  • alta corrente in uscita, anche in modalità di carica ridotta (circa 20 ... 30% del valore nominale);
  • un numero elevato di cicli di ricarica (fino a mille o anche di più, a seconda del modello specifico e delle condizioni operative);
  • corrente di autoscarica minima (ciò consente di mantenere a lungo la batteria in stato di carica, anche in condizioni di funzionamento sfavorevoli, può perdere solo circa il 20% della sua carica all'anno !!!);
  • La batteria al gel può essere conservata completamente scarica anche a temperature ambiente inferiori allo zero.

Per quanto riguarda gli svantaggi, le batterie al gel ne hanno solo due:

  • prezzo elevato rispetto alle tradizionali batterie ad acido con gli stessi parametri tecnici;
  • a una batteria al gel non piace aumentare molto la tensione (sovraccarico) e in tali condizioni la sua capacità è notevolmente ridotta e la risorsa totale di utilizzo è ridotta.

Molti automobilisti che utilizzano tali batterie sono interessati alla domanda su come caricare una batteria al gel? In effetti, non ci sono molte differenze rispetto alla ricarica delle batterie tradizionali.

  • Per la ricarica, viene utilizzato un caricabatterie convenzionale con la possibilità di regolare il valore della corrente e della tensione emesse da esso.
  • Il valore corrente viene selezionato in base alla capacità della batteria. Dovrebbe essere il 10%. Ad esempio, per una batteria con una capacità di 60 Ah, la corrente di carica dovrebbe essere di 6 Ampere. In casi estremi, ad esempio, se è necessario caricare rapidamente la batteria, è consentito utilizzare il 30% della capacità. Cioè, nel nostro caso saranno 18 Ampere.
  • Per una batteria al gel, è importante non esagerare con il valore della tensione, ovvero non impostarlo troppo alto. Di norma, il valore limite in questo caso sarà 14,5 ... 15 Volt (ulteriori informazioni devono essere specificate sull'adesivo sulla custodia della batteria).
  • La corrente di carica massima consentita è indicata come corrente iniziale massima... La corrente di carica non deve superare il valore corrispondente.
  • Il tempo di ricarica per la batteria al gel dipende dalla corrente di carica. Per calcolarlo, è necessario dividere il valore della capacità per il valore corrente. Se la corrente è stata selezionata al 10% della capacità, il tempo di ricarica sarà lo stesso di 10 ore. Se la corrente è inferiore, il tempo è più lungo. Per escludere la possibilità di sovraccarico (che è molto dannoso per una batteria al gel!), È meglio utilizzare caricatori elettronici speciali per questo, che selezioneranno automaticamente sia la corrente di carica che l'intervallo di tempo per questo.
Il motivo per cui quando la tensione aumenta, la batteria viene distrutta, è che in queste condizioni il gel, che funge da elettrolita, inizia a sciogliersi. E maggiore è la tensione, più forte è il riflusso. E più lungo è il tempo di sovraccarico, peggio è l'elettrolita in gel.

Se l'accumulatore di gel è riparabile, è necessario svitare i tappi dalle sue lattine (contenitori) in modo da non creare una pressione eccessiva al suo interno. Le sonde del caricatore devono essere collegate ai corrispondenti terminali della batteria (rispettando la polarità). Inoltre, sul caricabatterie, è necessario impostare i valori appropriati di corrente e tensione. Man mano che la batteria si carica, la tensione aumenta. Non si deve permettere che vada oltre il valore utilizzo del ciclo... Se ciò è accaduto per un breve periodo, è necessario ridurre l'intensità della corrente per ridurre la tensione. In tali condizioni, la batteria può generalmente essere caricata completamente in 10-12 ore.

Spesso il valore è indicato sull'etichetta Uso in pausa, che indica a quale voltaggio può trovarsi la batteria in modalità standby.Il produttore presume che la batteria possa essere conservata a lungo senza ricaricarla, ma per mantenere le sue prestazioni senza carico, deve essere periodicamente ricaricata a bassa tensione. Tipicamente questo intervallo è di circa 13,5 ... 13,8 Volt. Il mancato rispetto di questo requisito comporterà conseguenze irreversibili, in particolare, una rapida perdita di capacità della batteria e il suo rapido guasto.

La soluzione ottimale per caricare una batteria al gel sarà l'uso di speciali caricatori elettronici, che controlleranno automaticamente il valore della corrente e della tensione di carica e, se necessario, li limiteranno. Inoltre, questi caricatori selezionano la modalità di ricarica in base allo stato di scarica della batteria, nonché a fattori esterni come la temperatura ambiente. Sul mercato sono disponibili caricabatterie progettati specificamente per funzionare con batterie al gel. In particolare, hanno la funzione di compensazione della temperatura e la funzione di controllare il processo di carica per fasi in modo automatico.

Si prega di notare che se sulla macchina è installata una batteria al gel, è imperativo controllare periodicamente il funzionamento del relè di tensione sul generatore. Se si guasta, la batteria può guastarsi letteralmente nel giro di poche ore. È possibile acquistare terminali con un relè-regolatore come protezione aggiuntiva.

Come caricare la batteria ibrida

Nelle batterie ibride, una parte delle piastre è realizzata secondo la tecnologia "antimonio" e l'altra - secondo la tecnologia "calcio" (a volte con l'aggiunta di argento). La batteria richiede poca manutenzione, ma ha ancora le spine. Di conseguenza, deve controllare il livello dell'elettrolito ogni due o tre mesi e, se necessario, aggiungere acqua distillata. Tra i vantaggi, vale la pena notare la sua resistenza alla scarica profonda e la capacità di fornire un'elevata corrente di avviamento. Per quanto riguarda il prezzo, è accettabile e circa due volte inferiore a quello del calcio.

Per quanto riguarda il processo di ricarica, è standard e non complicato. Quindi, è necessario caricare con una corrente, il cui valore è 10 ... 30% del valore di capacità. Come accennato in precedenza, per 60 Ah, la corrente dovrebbe essere di 6 Ampere (se devi ricaricare più velocemente, puoi aumentarla a 18 Ampere). Sarà ottimale impostare il valore corrente su 2 Ampere. Il valore della tensione sarà compreso tra 13,8 e 14,2 Volt. Il segnale di fine carica sarà il valore di tensione di 14,2 Volt e il valore di corrente - 0,3 ... 0,5 Ampere.

Non impostare correnti di carica elevate, altrimenti l'elettrolito bollirà, il che è estremamente dannoso per le piastre della batteria, si riscaldano e la massa attiva potrebbe sgretolarsi.

Una particolarità delle batterie ibride è che in estate devono controllare regolarmente il livello dell'elettrolito. Ciò è dovuto al fatto che, a differenza dei suoi vecchi "fratelli", una batteria del genere produce una tensione di esercizio più elevata. E se in inverno aiuta solo ad avviare il motore senza problemi, in estate si trasforma in energia gratuita. Questo è irto del fatto che l'elettrolita può bollire e iniziare a evaporare e la concentrazione di acido aumenta. Per questo motivo, le piastre vengono riscaldate ed esposte, danneggiandosi. Pertanto, in estate, oltre alla ricarica, è imperativo monitorare il livello dell'elettrolito nei banchi di batterie ibride.

Come caricare una batteria AGM

Le nuove batterie realizzate con la tecnologia AGM vengono confuse da molti automobilisti con le batterie al gel (designate come GEL). In realtà, si tratta di due diversi tipi di batterie. Uno dei vantaggi di tali batterie sono le correnti di avviamento elevate (fino a 500 ... 900 Ampere), che consentono di avviare senza problemi qualsiasi motore a basse temperature. Un altro vantaggio è il caricamento più veloce (circa tre volte). E si ricarica perfettamente da un generatore di auto.E la sua durata è di 3 ... 5 anni in più rispetto a quella di una batteria ad acido convenzionale.

Per quanto riguarda la ricarica delle batterie AGM, ci sono tre opzioni. In particolare:

  • Carica, accumulo, immagazzinamento... Il processo di ricarica può essere effettuato direttamente sul veicolo o utilizzando un caricatore. In questo caso, il valore della tensione sarà compreso tra 14,2 ... 14,8 Volt (ma non più di 15,2 Volt, è necessario chiarire ulteriormente nelle istruzioni), l'intensità della corrente - 10 ... 30% della capacità valore. L'energia viene accumulata dopo una scarica profonda. La tensione è la stessa: 14,2 ... 14,8 Volt e l'intensità della corrente è il 10% della capacità (non di più!). Nella modalità di conservazione (ad esempio, conservazione a lungo termine in un magazzino o in un garage), il valore della tensione di carica dovrebbe essere compreso tra 13,2 ... 13,8 Volt e il valore dell'intensità della corrente dovrebbe essere 5. .. 10% del valore della capacità.
  • Caricamento e immagazzinamento... Questa è l'opzione più comune ed è consigliata dalla maggior parte dei produttori. Per la ricarica, il valore della tensione è 14,2 ... 14,8 Volt e l'intensità della corrente è del 10 ... 30% della capacità. Per la conservazione, la tensione sarà 13,2 ... 13,8 Volt.
  • Caricamento in corso... Alcuni produttori non indicano la modalità di archiviazione, ma forniscono solo informazioni sulle condizioni di caricamento. Sono identici a quelli indicati sopra: la tensione è 14,2 ... 14,8 Volt e l'intensità della corrente è 10 ... 30% della capacità della batteria.

Qualche parola sui caricatori. Come con le batterie al gel, è necessario tenere d'occhio i livelli di corrente e tensione. Pertanto, si consiglia di acquistare in anticipo un caricatore elettronico, preferibilmente con due modalità. Ciò non solo ridurrà al minimo il coinvolgimento del proprietario dell'auto nel processo di ricarica, ma garantirà anche una ricarica sicura ed efficiente. Se decidi di acquistare un caricabatterie meccanico, devi monitorare attentamente e regolare manualmente i valori di corrente e tensione.

Come caricare una batteria senza manutenzione

Molte batterie moderne non richiedono manutenzione. Ciò significa che non possono controllare il livello dell'elettrolito e le condizioni delle piastre. In generale, il processo di ricarica delle batterie senza manutenzione non è molto diverso dalla stessa procedura con le batterie vecchie. La ricarica può essere eseguita sia con corrente continua che con tensione costante. L'opzione migliore sarebbe quella di utilizzare un caricatore automatico elettronico per questo, ad esempio, con una spia di carica (una luce verde che indica la fine della carica). Non solo faciliterà il lavoro del proprietario dell'auto, ma garantirà anche i valori corretti di corrente e tensione, nonché il tempo di ricarica.

Tuttavia, se si utilizza un caricatore meccanico, in questo contesto il calcolo del tempo di ricarica è importante. Per fare ciò, è necessario calcolare il grado della sua scarica. Una tensione del terminale della batteria di 12,7 Volt indica il 100% di potenza della batteria. Se lo stesso valore è pari a 11,7 Volt (potrebbe essere inferiore, ma si tratterà già di una scarica profonda, che è dannosa per molte batterie), allora può essere preso come 0%. Di conseguenza, ad esempio, una tensione di 12,2 Volt indicherà una carica del 50% della capacità.

La corrente di carica ottimale è il 10% della capacità. Nell'esempio precedente ripetutamente, questo sarebbe 6 Ampere per una batteria da 60 Ah. Ad esempio, se la tensione misurata ai terminali è di 12,2 Volt, cioè la batteria è scarica al 50%, significa che per riempire la sua capacità dobbiamo fornire 30 Ah. Pertanto, 30 Ah devono essere divisi per il valore corrente di 6 Ampere, risultando in 5 ore. Teoricamente, puoi applicare tutti i 30 ampere per ridurre il tempo a un'ora. Tuttavia, questo non dovrebbe essere fatto in quanto "ucciderà" la batteria.

È importante capire che il sovraccarico è dannoso per qualsiasi batteria. Cioè, ad esempio, cosa succederà se non sopporti 5 ore di tempo, come nell'esempio precedente, ma 7 o 10? In questo caso, il livello di capacità e carica non cambierà, ma inizierà il processo di ebollizione dell'elettrolita con la sua evaporazione.E se può essere ricaricato in una batteria riparata, allora non può essere fatto in una batteria incustodita, rispettivamente, e una tale situazione non può essere consentita! L'elettrolito bollito evaporerà attraverso la valvola di sicurezza quando viene raggiunta la pressione critica all'interno dei contenitori della batteria. Tuttavia, il suo corpo rimarrà intatto (non esploderà, come pensano molti automobilisti). Ma un basso livello di elettrolito ridurrà la capacità della batteria e ridurrà la sua durata complessiva. Secondo le istruzioni, è consentita la ricarica in tempo per un massimo di 15 ... 30 minuti.