Il principio di funzionamento e lo schema di collegamento del generatore

Il più semplice funzione generatorecarica batterie batteria e alimentazione alle apparecchiature elettriche del motore.

Circuito generatore di auto Pertanto, considereremo più in dettaglio circuito generatore, come collegarlo correttamente e dare anche alcuni suggerimenti su come controllarlo da soli.

Soddisfare:

  • Il principio di funzionamento del generatore
  • Circuito generatore VAZ 2107
  • Schema di collegamento per motori a iniezione
  • Controllo del funzionamento del generatore

Generatore - un meccanismo che converte l'energia meccanica in energia elettrica. Il generatore ha un albero su cui è montata una puleggia, attraverso la quale riceve la rotazione dall'albero motore del motore.

Schema schematico di un generatore di automobili

  1. Batteria accumulatore
  2. Uscita generatore "+"
  3. Commutatore di accensione
  4. Spia dello stato di salute dell'alternatore
  5. Condensatore di soppressione delle interferenze
  6. Diodi positivi del raddrizzatore di potenza
  7. Diodi negativi del raddrizzatore di potenza
  8. "Massa" del generatore
  9. Diodi ad avvolgimento di campo
  10. Avvolgimenti statore trifase
  11. Alimentazione degli avvolgimenti di campo, riferimento di tensione per il regolatore di tensione
  12. Avvolgimento di eccitazione (rotore)
  13. Regolatore di tensione

Un generatore per auto viene utilizzato per alimentare le utenze elettriche, come: un sistema di accensione, un computer di bordo, apparecchiature di illuminazione per auto, un sistema diagnostico ed è anche possibile caricare una batteria per auto. La potenza del generatore dell'auto è di circa 1 kW. I generatori automobilistici sono abbastanza affidabili durante il funzionamento, perché garantiscono il buon funzionamento di molti dispositivi nell'auto e quindi i requisiti per essi sono appropriati.

Dispositivo generatore

Il dispositivo di un generatore di automobile implica la presenza del proprio raddrizzatore e di un circuito di regolazione. La parte generatrice del generatore con l'ausilio di un avvolgimento stazionario (statore) genera una corrente alternata trifase, che viene poi raddrizzata da una serie di sei grandi diodi e già una corrente continua carica la batteria. La corrente alternata è indotta dal campo magnetico rotante dell'avvolgimento (attorno all'avvolgimento di campo o al rotore). Inoltre, la corrente viene alimentata attraverso le spazzole e gli anelli collettori al circuito elettronico.

dispositivo generatore

Dispositivo generatore: 1. Dado. 2. Rondella. 3.Pulley. 4. Coperchio anteriore. 5. Anello di distanza. 6.Rotore. 7.Statore. 8. Copertura posteriore. 9.Involucro. 10.Guarnizione. 11. Guaina protettiva. 12. Raddrizzatore con condensatore. 13. Portaspazzole con regolatore di tensione.

Il generatore si trova nella parte anteriore del motore dell'auto e viene avviato utilizzando l'albero motore. Lo schema di collegamento e il principio di funzionamento del generatore dell'auto sono gli stessi per qualsiasi auto. Ci sono, ovviamente, alcune differenze, ma di solito sono legate alla qualità del prodotto fabbricato, alla potenza e alla disposizione delle unità nel motore. In tutte le auto moderne sono installati gruppi elettrogeni a corrente alternata, che includono non solo il generatore stesso, ma anche il regolatore di tensione. Il regolatore distribuisce equamente la corrente nell'avvolgimento di campo, è per questo che la potenza del gruppo elettrogeno stesso fluttua nel momento in cui la tensione ai terminali di potenza dell'uscita rimane invariata.

Le auto più recenti sono spesso dotate di un'unità elettronica sul regolatore di tensione, quindi il computer di bordo può monitorare la quantità di carico sul gruppo elettrogeno. A sua volta, sui veicoli ibridi, il generatore svolge il lavoro di un generatore di avviamento; uno schema simile viene utilizzato in altri progetti del sistema stop-start.

Il principio di funzionamento del generatore automatico

principio di funzionamento del generatore

Schema elettrico per un generatore VAZ 2110-2115

Schema di collegamento del generatore la corrente alternata comprende i seguenti componenti:

  1. Batteria.
  2. Generatore.
  3. Scatola dei fusibili.
  4. Accensione.
  5. Pannello di controllo.
  6. Unità raddrizzatore e diodi aggiuntivi.

Il principio di funzionamento è abbastanza semplice, quando l'accensione è accesa, in più attraverso l'interruttore di accensione passa attraverso la scatola dei fusibili, una lampadina, un ponte a diodi e passa attraverso un resistore a meno. Quando la spia sul cruscotto si accende, allora il plus va al generatore (all'avvolgimento di eccitazione), quindi, durante l'avviamento del motore, la puleggia inizia a ruotare, ruota anche l'armatura, per induzione elettromagnetica, un elettromotore viene generata forza e compare una corrente alternata.

La più pericolosa per il generatore è la chiusura delle piastre del dissipatore collegate a "terra" e al terminale "+" del generatore facendo cadere accidentalmente tra di loro oggetti metallici o ponti conduttivi formati dall'inquinamento.

Inoltre, il diodo passa più nell'unità raddrizzatore attraverso la sinusoide alla spalla sinistra e meno a destra. I diodi aggiuntivi sulla lampadina tagliano gli svantaggi e si ottengono solo i vantaggi, quindi va al gruppo del cruscotto e il diodo che si trova lì passa solo il meno, di conseguenza, la luce si spegne e il più passa attraverso il resistore e va a meno.

circuito generatore

Il principio di funzionamento di un generatore di costanti per auto può essere spiegato come segue: una piccola corrente continua inizia a fluire attraverso l'avvolgimento di eccitazione, che viene regolato dall'unità di controllo e mantenuto a un livello di poco superiore a 14 V. La maggior parte dei generatori in un'auto sono in grado di generare almeno 45 ampere. Il generatore funziona a 3000 giri / min e oltre: se guardi il rapporto tra le dimensioni delle cinghie della ventola e le pulegge, sarà due o tre a uno in relazione alla frequenza del motore.

Per evitare ciò, le piastre e le altre parti del raddrizzatore del generatore sono parzialmente o completamente ricoperte da uno strato isolante. Nella struttura monolitica dell'unità raddrizzatore, i dissipatori sono uniti principalmente da circuiti stampati in materiale isolante, rinforzati con barre di collegamento.

Quindi, considera lo schema di collegamento di un generatore di automobili usando l'esempio di un'auto VAZ-2107.

Schema elettrico per un generatore su un VAZ 2107

Lo schema di ricarica per VAZ 2107 dipende dal tipo di generatore utilizzato. Per ricaricare la batteria su auto come: VAZ-2107, VAZ-2104, VAZ-2105, che si trovano su un motore a carburatore, sarà necessario un generatore del tipo G-222 o il suo analogo con una corrente di rinculo massima di 55A. A loro volta, le auto VAZ-2107 in cui il motore a iniezione utilizza il generatore 5142.3771 o il suo prototipo, chiamato generatore ad alta energia, con una corrente di rinculo massima di 80-90A. È inoltre possibile installare generatori più potenti con una corrente di rinculo fino a 100A. Le unità raddrizzatori e i regolatori di tensione sono integrati in assolutamente tutti i tipi di alternatori; di regola, sono realizzati nello stesso alloggiamento con spazzole o sono rimovibili e fissati all'alloggiamento stesso.

Il circuito di ricarica del VAZ 2107 presenta piccole differenze a seconda dell'anno di produzione dell'auto. La differenza più importante è la presenza o l'assenza di una spia di controllo della carica, che si trova sul cruscotto, così come il modo in cui è collegata e la presenza o l'assenza di un voltmetro. Tali circuiti sono utilizzati principalmente sulle vetture a carburatore, mentre sulle vetture con motore a iniezione il circuito non cambia, è identico a quelle vetture precedentemente prodotte.

Designazioni del gruppo elettrogeno:

  1. “Plus” del raddrizzatore di potenza: “+”, V, 30, V +, BAT.
  2. "Massa": "-", D-, 31, B-, M, E, GRD.
  3. Uscita avvolgimento eccitazione: Ш, 67, DF, F, EXC, E, FLD.
  4. Uscita per il collegamento con una lampada di controllo sanitario: D, D +, 61, L, WL, IND.
  5. Uscita di fase: ~, W, R, STА.
  6. Uscita del punto zero dell'avvolgimento dello statore: 0, MR.
  7. L'uscita del regolatore di tensione per il collegamento alla rete di bordo, solitamente al “+” della batteria: B, 15, S.
  8. Uscita del regolatore di tensione per alimentarlo dal blocchetto di accensione: IG.
  9. L'uscita del regolatore di tensione per il collegamento al computer di bordo: FR, F.
circuito di carica della batteria VAZ-2107 con un generatore 37.3701

Schema del generatore VAZ-2107 tipo 37.3701

  1. Batteria accumulatore.
  2. Generatore.
  3. Regolatore di tensione.
  4. Blocco di montaggio.
  5. Commutatore di accensione.
  6. Voltmetro.
  7. Indicatore luminoso di carica della batteria.

Quando l'accensione è inserita, il plus dal blocco va al fusibile n. 10, quindi va al relè della spia di carica della batteria, quindi va al contatto e all'uscita della bobina. Il secondo cavo della bobina interagisce con il cavo centrale del motorino di avviamento, dove sono collegati tutti e tre gli avvolgimenti. Se i contatti del relè si chiudono, anche la spia di controllo è accesa. All'avviamento del motore, il generatore genera una corrente e sugli avvolgimenti compare una tensione alternata di 7V. Una corrente scorre attraverso la bobina del relè e l'armatura inizia ad attrarsi, mentre i contatti si aprono. Il generatore n. 15 fa passare la corrente attraverso il fusibile n. 9. Allo stesso modo, l'avvolgimento di campo è alimentato tramite il generatore di tensione delle spazzole.

Schema di ricarica per VAZ con motori a iniezione

Questo schema è identico agli schemi su altri modelli VAZ. Si differenzia dai precedenti per quanto riguarda l'eccitazione e il monitoraggio della funzionalità del generatore. Può essere effettuato utilizzando un'apposita spia e un voltmetro sul cruscotto. Inoltre, tramite la spia di carica, l'eccitazione iniziale del generatore avviene al momento dell'inizio del funzionamento. Durante il funzionamento, il generatore funziona "in modo anonimo", cioè l'eccitazione va direttamente dal 30 ° pin Quando l'accensione è inserita, l'alimentazione attraverso il fusibile # 10 va alla spia di carica nel cruscotto. Inoltre, attraverso il blocco di montaggio, entra nella 61a uscita. Tre diodi aggiuntivi forniscono alimentazione al regolatore di tensione, che a sua volta la trasferisce all'avvolgimento di eccitazione del generatore. In questo caso, la spia di controllo sarà accesa. È proprio nel momento in cui il generatore lavorerà sulle piastre del ponte raddrizzatore, la tensione sarà molto più alta di quella della batteria. In questo caso, la lampada di prova non si accenderà, perché la tensione sul suo lato sui diodi aggiuntivi sarà inferiore rispetto al lato dell'avvolgimento dello statore ei diodi si chiuderanno. Se, durante il funzionamento del generatore, la spia di controllo brucia sul pavimento incandescente, ciò potrebbe significare che i diodi aggiuntivi sono rotti.

Controllo del funzionamento del generatore

È possibile controllare le prestazioni del generatore in diversi modi utilizzando determinati metodi, ad esempio: è possibile controllare la corrente di rinculo del generatore, la caduta di tensione sul filo che collega l'uscita di corrente del generatore alla batteria o controllare la tensione regolata.

Per controllare, avrai bisogno di un multimetro, una batteria per auto e una lampada con fili saldati, fili per il collegamento tra il generatore e la batteria, e puoi anche prendere un trapano con una testa adatta, poiché potresti dover girare il rotore di il dado sulla puleggia.

Controllo di base con una lampadina e un multimetro

Schema di collegamento: terminale di uscita (B +) e rotore (D +). La lampada deve essere collegata tra l'uscita principale del generatore B + e il terminale D +. Dopodiché, prendiamo i cavi di alimentazione e colleghiamo il "meno" al terminale negativo della batteria e alla massa del generatore, "più", rispettivamente, al più del generatore e all'uscita B + del generatore . Ci fissiamo su una morsa e ci colleghiamo.

"Mass" deve essere collegato all'ultimo, in modo da non cortocircuitare la batteria.

Accendiamo il tester in modalità tensione costante (DC), agganciamo una sonda alla batteria a “più”, anche la seconda, ma a “meno”. Inoltre, se tutto funziona, la luce dovrebbe accendersi, la tensione in questo caso sarà 12,4 V. Quindi prendiamo un trapano e iniziamo a girare il generatore, rispettivamente, la luce smetterà di bruciare in questo momento e la tensione sarà già 14,9 V. Quindi aggiungiamo il carico, prendiamo la lampada alogena H4 e appendiamola al terminale della batteria, dovrebbe accendersi. Quindi, nello stesso ordine, colleghiamo il trapano e la tensione sul voltmetro mostrerà già 13,9 V.In modalità passiva, la batteria sotto la lampadina fornisce 12,2 V e quando giriamo il trapano fornisce 13,9 V.

circuito di prova del generatore

Circuito di prova del generatore

Rigorosamente scoraggiato:

  1. Controllare il generatore per le prestazioni da cortocircuito, cioè "per una scintilla".
  2. Consentendo al generatore di funzionare senza i consumatori accesi, è anche indesiderabile lavorare con la batteria scollegata.
  3. Collegamento del morsetto “30” (in alcuni casi B +) a massa o del morsetto “67” (in alcuni casi D +).
  4. Eseguire lavori di saldatura sulla carrozzeria dell'auto con il generatore e i cavi della batteria collegati.