Intervalli di cambio olio motore. Dopo quante migliaia di km servono per cambiare l'olio

Molti proprietari di auto non sanno per quanto tempo cambiare l'olio nel motore della propria auto o dubitano dei dati forniti dal produttore sulla frequenza di sostituzione dei materiali di consumo. E per una buona ragione. Sostituisci tramite ogni 10-15 mila chilometri spesso non è del tutto vero.

Meglio allo stesso tempo essere guidati dal numero di ore lavorate e dalla velocità media... Ci sono molti componenti nella risposta alla domanda su quanto spesso cambiare l'olio nel motore. Tra questi ci sono le raccomandazioni della casa automobilistica, le condizioni operative dell'auto (pesante / leggera, in città / in autostrada, usata spesso / raramente), il chilometraggio prima del cambio dell'olio e il chilometraggio totale, le condizioni tecniche dell'auto e l'olio usato.

Inoltre, fattori aggiuntivi influenzano la frequenza di cambio dell'olio nel motore: il numero di ore di funzionamento, la potenza e il volume del motore, il tempo trascorso dall'ultimo cambio dell'olio (anche senza tenere conto del funzionamento della macchina). Successivamente, ti diremo in dettaglio su quanto spesso cambiare l'olio nel motore, come accade e altre cose che ti saranno sicuramente utili.

Soddisfare:

  • Cosa influenza la frequenza di sostituzione
  • Cambio dell'olio regolare
  • Esperimenti con gli oli
  • Raccomandazioni per la sostituzione
  • Cambio del gasolio

Cambio periodico dell'olio motore Per chi non vuole entrare nei dettagli e capire tutto in dettaglio, daremo subito una risposta sull'intervallo di cambio: in condizioni urbane l'olio "lavora" 8-12mila, in autostrada / modalità semaforo senza ingorghi funziona fino a 15mila km. Il modo più preciso per scoprire quando cambiare può essere fornito solo da un laboratorio di analisi del consumo di olio.

Cosa influenza la frequenza di sostituzione

Ogni casa automobilistica nel manuale dell'auto indica informazioni dettagliate su quando cambiare l'olio nel motore. Tuttavia, il fatto è che questa informazione non è sempre corretta. Di norma, la documentazione contiene un valore di 10 ... 15 mila chilometri (in ogni caso, il numero può differire). Ma in realtà, diversi fattori influenzano il chilometraggio tra le sostituzioni.

10 indicatori che influenzano i tempi del cambio dell'olio motore

  1. Tipo di carburante (gas, benzina, diesel) e sua qualità
  2. Volume del motore
  3. Marca di olio precedentemente riempito (sintetico, Semy-Synt, olio minerale)
  4. Classificazione e tipo di oli utilizzati (API e sistema longlife)
  5. Condizioni dell'olio motore
  6. Metodo di sostituzione
  7. Chilometraggio totale del motore
  8. Condizioni tecniche dell'auto
  9. Condizioni e modalità operative
  10. Qualità consumabili

Le istruzioni del produttore non sono incluse in questo elenco, poiché per lui l'intervallo di manutenzione è un concetto di marketing.

Modalità operative

Prima di tutto, la tempistica del cambio dell'olio nel motore è influenzata da funzionamento del veicolo... Senza entrare nell'essenza dei vari processi transitori, vale la pena menzionare due modalità principali: in autostrada e in città. Il fatto è che quando l'auto sta guidando in autostrada, in primo luogo, il chilometraggio si accumula molto più velocemente e, in secondo luogo, il motore viene raffreddato normalmente. Di conseguenza, il carico sul motore e sull'olio utilizzato non è così elevato. Al contrario, se un'auto viene utilizzata in una città, il suo chilometraggio sarà molto più basso e il carico del motore sarà maggiore perché spesso si trova ai semafori e negli ingorghi con il motore acceso. In questo caso, il raffreddamento sarà insufficiente.

A questo proposito, sarebbe più competente calcolare quanto tempo ci vuole per cambiare l'olio nel motore, affidandosi ore del motore, come avviene per la tecnologia cargo, agricola e idrica. Facciamo un esempio. 10mila chilometri in condizioni urbane (con una velocità media di 20 ... 25 km / h), l'auto viaggerà in 400 ... 500 ore.E gli stessi 10mila in autostrada a una velocità di 100 km / h - in sole 100 ore. Inoltre, le condizioni di funzionamento del motore e dell'olio in pista sono molto più miti.

Guidare in una metropoli è giustamente equiparato alla guida su terreni accidentati in termini di come rovina il petrolio. Ciò è particolarmente vero quando il suo livello nel basamento è inferiore alla media, e anche peggio quando è inferiore al livello minimo. Ricorda inoltre che nel caldo clima estivo l'olio è sottoposto a uno stress molto maggiore a causa della temperatura elevata, anche dalle superfici calde delle strade nelle aree metropolitane.

Volume e tipo del motore

Quante volte cambiare l'olio

Cosa influenza la frequenza dei cambi d'olio

Più potente è il motore, più facile è per lui affrontare i cambiamenti di carico e le condizioni operative difficili. Di conseguenza, l'olio non avrà un effetto così forte. Per un motore potente, guidare lungo l'autostrada a una velocità di 100 ... 130 km / h non ha un carico significativo, sarà al di sotto della media. All'aumentare della velocità, il carico sul motore, e quindi sull'olio, cambierà gradualmente.

Una piccola macchina è un'altra cosa. Di norma, sono dotati di una trasmissione "corta", ovvero gli ingranaggi sono progettati per una piccola gamma di velocità e una gamma di giri di lavoro. Di conseguenza, i motori subcompatti subiscono carichi maggiori nelle modalità critiche rispetto a quelli potenti. Quando il carico sul motore aumenta, aumenta anche la temperatura dei suoi pistoni e aumenta anche la quantità di gas del basamento. Ciò porta ad un aumento generale della temperatura, compresa la temperatura dell'olio.

È particolarmente difficile per i motori subcompatti ad alta potenza (ad esempio 1.2 TSI e altri). In questo caso, il carico è anche integrato dalla turbina.

Fattori aggiuntivi

Ciò dovrebbe includere un controllo della temperatura elevata (temperatura di esercizio), una scarsa ventilazione del basamento del motore (soprattutto durante la guida in condizioni urbane), l'uso di olio di bassa qualità o non adatto per questo motore, la presenza di sporco nei canali dell'olio, un filtro dell'olio intasato, l'intervallo di temperatura di esercizio dell'olio.

Si ritiene che l'intervallo ottimale per il cambio dell'olio motore sia compreso tra 200 e 400 ore in varie condizioni operative, ad eccezione del carico massimo, inclusa la guida alla massima velocità e ai massimi regimi.

Di grande importanza è anche il tipo di olio utilizzato: minerale, semisintetico o completamente sintetico. È possibile leggere separatamente su ciascuno dei tipi menzionati sui collegamenti forniti.

Perché hai bisogno di cambi dell'olio regolari?

Indicazione ECU sull'olio

Display del quadro strumenti

Cosa può succedere all'auto se l'olio motore non viene cambiato per molto tempo? Per rispondere a questa domanda, è necessario capire quali funzioni svolge. Qualsiasi olio è costituito dalla cosiddetta "base" e da una certa quantità di additivi. Sono loro che proteggono le parti del motore.

Durante il funzionamento della macchina, e anche quando è parcheggiata, si verifica una continua distruzione chimica degli additivi. Naturalmente, durante la guida, questo processo è più veloce. Allo stesso tempo, si formano depositi naturali sul basamento del motore, si verificano processi ossidativi con i singoli componenti dell'olio, la sua viscosità e persino il livello di acidità del pH cambiano. Questi fatti sono le risposte alla domanda: perché cambiare l'olio almeno una volta all'anno.

Alcune case automobilistiche e produttori di oli motore indicano per quanto tempo è necessario cambiare l'olio nel motore non in base al chilometraggio, ma in base alla frequenza, di solito in mesi.

E sotto carico significativo, i processi descritti nell'olio si verificano a una velocità ancora più elevata. Soprattutto alle alte temperature. Tuttavia, i produttori moderni migliorano costantemente le tecnologie e le composizioni chimiche dei loro oli. Pertanto, sono in grado di resistere a lungo all'inquinamento e alle alte temperature.

In molte auto moderne, l'ECU monitora costantemente il tempo necessario per cambiare l'olio motore.Naturalmente, questa decisione viene presa sulla base di una metodologia empirica. Si basa sui dati effettivi: il numero medio di giri del motore, la temperatura dell'olio e del motore, il numero di avviamenti a freddo, il limite di velocità e così via. Inoltre, il programma tiene conto degli errori e delle tolleranze tecniche. Pertanto, il computer riporta solo il tempo approssimativoquando l'olio motore deve essere cambiato.

Sfortunatamente, sugli scaffali dei negozi non solo nella Federazione Russa, ma anche in altri paesi della CSI, viene attualmente venduto un gran numero di oli motore di bassa qualità o semplicemente falsi. E dato che il nostro carburante è spesso di scarsa qualità, la frequenza del cambio dell'olio deve ancora essere regolata. In particolare, se parliamo di quanti chilometri per cambiare l'olio nel motore, allora la quantità consigliata dovrebbe essere ridotta di circa un terzo. Cioè, invece dei 10mila spesso consigliati, cambia dopo 7 ... 7,5mila.

Cambiare l'olio ALMENO una volta all'anno, indipendentemente dal fatto che si stia utilizzando o meno la macchina.

Elenchiamo i motivi e le conseguenze di una sostituzione prematura dell'olio motore:

Depositi del motore

Depositi del motore

  • Formazione di sedimenti... Le ragioni di questo fenomeno risiedono nel processo di distruzione degli additivi o nella contaminazione dell'olio con i prodotti della combustione nel basamento del motore. Le conseguenze sono una significativa diminuzione della potenza del motore, un aumento del contenuto di sostanze tossiche nei gas di scarico e il loro annerimento.
  • Notevole usura del motore... Motivi: gli oli perdono le loro proprietà a causa di cambiamenti nella composizione degli additivi.
  • Aumento della viscosità dell'olio... Questo può accadere per gli stessi motivi. In particolare, a causa dell'ossidazione o della violazione della polimerizzazione degli additivi dovuta a una selezione impropria dell'olio. I problemi derivanti da ciò includono difficoltà con la circolazione dell'olio, usura significativa del motore e dei suoi singoli elementi. E la conseguente mancanza di olio del motore può portare a difficoltà con l'avviamento a freddo, in casi critici, è possibile anche il guasto del motore.
  • Rotazione dei cuscinetti di biella... Ciò è dovuto all'ostruzione del canale dell'olio con un composto addensato. Minore è la sua area di sezione, maggiori sono i carichi a cui sono soggette le boccole di biella. Per questo motivo, si surriscaldano e si avvitano.
  • Significativa usura del turbocompressore (se disponibile). In particolare. c'è un alto rischio di danni al rotore. Si verifica perché l'olio usato ha un effetto significativo sull'albero del compressore e sui cuscinetti. Di conseguenza, sono danneggiati e graffiati. Inoltre, l'olio sporco porta all'ostruzione dei passaggi di lubrificazione del compressore, che può portare al suo grippaggio.
Non azionare la macchina con olio bruciato o addensato. Ciò espone il motore a un'usura significativa.

I problemi sopra descritti sono inerenti alle macchine operanti in ambienti urbani. Dopotutto, è lei che è considerata una delle più difficili per il motore. Di seguito sono riportati alcuni dati fattuali interessanti ottenuti sperimentalmente. Ti aiuteranno a decidere fino a che punto cambiare l'olio motore.

Risultati sperimentali con oli

Gli specialisti della ben nota rivista automobilistica "Za Rulem" hanno effettuato studi di sei mesi su parecchi tipi di oli sintetici in condizioni di funzionamento di auto in ingorghi urbani (a regime minimo). Per questo, i motori hanno funzionato per 120 ore (analoghe alla corsa di 10mila chilometri in autostrada) a 800 giri / min senza raffreddamento. Di conseguenza, sono stati ottenuti fatti interessanti ...

Il primo è la viscosità di tutti gli oli motore durante il funzionamento al minimo prolungato fino a un certo momento (critico). significativamente menorispetto a quando si guida "in autostrada". Ciò è dovuto al fatto che al minimo c'è un passaggio di gas di scarico e carburante incombusto nel basamento, dove si mescola tutto con l'olio. In questo caso, potrebbe esserci una (piccola) quantità di olio nel carburante.

Il calo di viscosità dell'olio motore è di circa 0,4 ... 0,6 cSt (centistoke). Questo valore è compreso tra il 5 e il 6% del livello medio. Cioè, la viscosità rientra nell'intervallo normale. Tuttavia, questo accade solo fino a un certo punto.

oli motore

Oli motore puliti e usati

Circa a 70 ... 100 ore (ogni olio è diverso, ma la tendenza è la stessa per tutti) la viscosità inizia a salire bruscamente. E molto più veloce rispetto a quando si lavora in modalità "traccia". Le ragioni di ciò sono le seguenti. L'olio è costantemente a contatto con i prodotti della combustione incompleta (come sopra descritto), e raggiunge la sua saturazione critica. Questi prodotti hanno una certa acidità, che viene trasferita all'olio. Ne risentono anche la mancanza di ventilazione e la bassa turbolenza della miscela aria-carburante dovuta al fatto che il pistone si muove relativamente lentamente. Per questo motivo, il tasso di combustione del carburante è inferiore alla media e l'ingresso dei gas di scarico nel basamento è massimizzato.

L'opinione diffusa che si formi una grande quantità di sporco nel motore al minimo non è stata confermata sperimentalmente. Tuttavia, la quantità di depositi ad alta temperatura era piccola e la quantità di depositi a bassa temperatura era grande.

Per quanto riguarda i prodotti di usura, la loro quantità è molto maggiore nell'olio utilizzato in modalità "plug" rispetto a quello che si trovava in "autostrada". La ragione di ciò è la bassa velocità del pistone e l'alta temperatura di esercizio dell'olio (nessuna ventilazione). Per quanto riguarda i rifiuti, ogni olio si comporta a modo suo. Tuttavia, si può sostenere che a causa delle alte temperature di esercizio e dell'aumento della densità, aumenteranno anche i rifiuti.

Sulla base delle informazioni fornite, proveremo a sistematizzare i dati e risponderemo alla domanda su quanti chilometri cambiare l'olio nel motore.

Raccomandazioni per il cambio dell'olio motore

Successivamente, ci soffermeremo più in dettaglio sulla questione della frequenza con cui cambiare l'olio nel motore. Come detto sopra, le raccomandazioni delle case automobilistiche dovrebbero essere molto scettiche. Non ignorarli completamente, ma apportare le proprie modifiche... Se guidi un'auto solo in condizioni urbane (secondo le statistiche, ci sono la maggioranza di tali proprietari di auto), significa che l'olio viene utilizzato in condizioni gravose. Ricorda che meno olio nel carter, più velocemente invecchia. Pertanto, il suo livello ottimale è leggermente inferiore al segno massimo sull'astina dell'indicatore.

Quante migliaia ci vorranno per cambiare l'olio motore?

Calcolo delle ore del motore per il cambio dell'olio

Sopra abbiamo scritto che è più competente calcolare la frequenza del cambio dell'olio in base alle ore del motore. Tuttavia, la complessità di questa tecnica sta nel fatto che a volte è difficile convertire i chilometri in ore e, in base a queste informazioni, ottenere una risposta. Diamo uno sguardo più da vicino a due tecniche che consentono empiricamentetuttavia è abbastanza preciso calcolare quanto cambiare l'olio sintetico (e non solo) nel motore. Per fare ciò, la tua auto deve avere una ECU che mostri la velocità media e il consumo di carburante degli ultimi almeno mille chilometri (maggiore è il chilometraggio, più accurati saranno i calcoli).

Quindi, il primo metodo (calcolo in base alla velocità). Per fare ciò, è necessario conoscere la velocità media della propria auto nelle ultime migliaia di chilometri e le raccomandazioni della casa automobilistica per la quale è necessario cambiare l'olio. Ad esempio, il chilometraggio prima del cambio dell'olio è di 15 mila chilometri e la velocità media in città è di 29,5 km / h.

Di conseguenza, per calcolare il numero di ore del motore, la distanza deve essere divisa per la velocità. Nel nostro caso sarà 15000 / 29,5 = 508 ore motore. Cioè, si scopre che per cambiare l'olio in queste condizioni, è necessario utilizzare una composizione con una risorsa di 508 ore motore. Tuttavia, in realtà, tali oli semplicemente non esistono oggi.

Ti offriamo una tabella che mostra i tipi di oli motore ei corrispondenti valori di ore motore secondo API (American Petroleum Institute):

Tabella di corrispondenza degli oli alle ore di esercizio delle risorse
Tipo di olioNumero di ore del motore della risorsa
Minerale150
Semi sintetico250
Oli sintetici
API SJ / SL250
API SM / SN300...350
Polialfaolefine350...400
Esteri400...450

Supponiamo che il motore dell'auto sia riempito con olio SM / SN, che ha una vita utile di 350 ore. Per calcolare il chilometraggio, è necessario moltiplicare 350 ore per una velocità media di 29,5 km / h. Di conseguenza, otteniamo 10325 km. Come puoi vedere, questo chilometraggio è sorprendentemente diverso da quello che ci offre la casa automobilistica. E se la velocità media è di 21,5 km / h (che è più tipica per le grandi aree metropolitane, tenendo conto degli ingorghi e dei tempi di fermo), allora con le stesse 350 ore di moto avremo 7.525 km di corsa! Ora diventa chiaro il motivo è necessario dividere il chilometraggio consigliato dalla casa automobilistica per 1,5 ... 2 volte.

Un altro metodo di calcolo si basa sulla quantità di carburante consumato. Come dati iniziali, devi sapere quanto carburante in base al passaporto la tua auto spende per 100 km di pista, oltre a questo valore effettivo. Può essere preso dalla stessa ECU. Supponiamo che, secondo il passaporto, l'auto “prenda” 8 l / 100 km, ma in realtà - 10,6 l / 100 km. Il chilometraggio sostitutivo rimane lo stesso: 15.000 km. Deriveremo la proporzione e scopriremo quanto in teoria l'auto deve spendere per superare 15.000 km: 15.000 km * 8 litri / 100 km = 1200 litri. Ora facciamo calcoli simili per effettivo dati: 15000 * 10,6 / 100 = 1590 litri.

Ora dobbiamo calcolare a quale distanza è necessario disegnare cambio olio effettivo (ovvero quanto viaggerà l'auto con 1200 litri teorici di carburante). Usiamo una proporzione simile: 1200 litri * 15000 km / 1590 litri = 11320 km.

Vi presentiamo un calcolatore elettronico che vi permetterà di calcolare il chilometraggio effettivo prima del cambio dell'olio utilizzando i seguenti dati: consumo di carburante teorico per 100 km, consumo di carburante effettivo per 100 km, distanza teorica al cambio dell'olio in chilometri:

Tuttavia, il metodo di controllo più semplice ed efficace è un'ispezione visiva delle condizioni dell'olio. Per fare ciò, non essere pigro per aprire periodicamente il cofano e controllare se l'olio si è addensato o bruciato. Le sue condizioni possono essere valutate visivamente. Se vedi l'olio gocciolare dall'astina di livello come acqua, questo è un segno sicuro che l'olio deve essere sostituito. Un altro metodo di prova interessante è la diffusione della composizione su un tovagliolo. L'olio molto sottile formerà una macchia grande e liquida che ti dirà che è ora di cambiare il liquido. In tal caso, recarsi immediatamente da un servizio di auto o eseguire la procedura da soli.

Quante volte cambiare l'olio in un motore diesel

Per quanto riguarda i motori diesel, qui si applica la stessa logica di calcolo delle unità a benzina. È solo necessario tenere conto del fatto che il fluido di lavoro in essi è esposto a maggiori influenze esterne. Di conseguenza, è necessario cambiare l'olio in un motore diesel un po 'più spesso. Inoltre, il gasolio domestico ha un alto contenuto di zolfo, che ha un effetto dannoso sul motore dell'auto.

Per quanto riguarda le indicazioni fornite dalla casa automobilistica (soprattutto per i produttori occidentali), simili ai motori a benzina, vanno divise per 1,5 ... 2 volte. Questo vale per le autovetture, i furgoni e i piccoli autocarri.

Di norma, la maggior parte dei proprietari di auto domestiche di auto con motore diesel cambia l'olio. ogni 7 ... 10mila chilometri a seconda della macchina e dell'olio utilizzato.

In teoria, la selezione dell'olio si basa sul numero di base totale (TBN). Misura la quantità di inibitori attivi di corrosione nell'olio e indica la tendenza delle loro formulazioni a formare depositi. Maggiore è il numero, maggiore è la capacità dell'olio di neutralizzare i prodotti acidi e corrosivi formati durante l'ossidazione. Per i motori diesel, TBN è compreso tra 11 e 14 unità.

Il secondo numero importante che caratterizza l'olio è il numero di acidità totale (TAN). Caratterizza la presenza nell'olio di prodotti che provocano un aumento della corrosione e dell'intensità dell'usura di varie coppie di attriti nel motore di un'auto.

Tuttavia, prima di decidere quante ore cambiare l'olio in un motore alimentato a gasolio, è necessario affrontare una sfumatura. In particolare, è possibile utilizzare oli motore con un numero di base basso (TBN) nei paesi con carburante di bassa qualità (in particolare, il russo, che contiene una grande quantità di zolfo)? Durante il funzionamento del motore e, di conseguenza, dell'olio, il numero di base diminuisce e il numero di acidità aumenta. Pertanto, è logico presumere. che l'intersezione dei loro grafici ad un certo chilometraggio dell'auto ci dice che l'olio ha esaurito completamente la sua risorsa, e quindi il suo funzionamento rovina solo il motore. Presentiamo alla vostra attenzione grafici di test di quattro tipi di oli con diversi indicatori di numero di acidi e basi. Per l'esperimento, sono stati presi quattro tipi di oli con i nomi convenzionali delle lettere dell'alfabeto inglese:

  • olio A - 5W30 (TBN 6.5);
  • olio B - 5W30 (TBN 9.3);
  • olio C - 10W30 (TBN 12);
  • olio D - 5W30 (TBN 9.2).

Come puoi vedere dal grafico, i risultati del test sono stati i seguenti:

  • l'olio A - 5W30 (TBN 6.5) - è stato completamente esaurito dopo 7000 km;
  • l'olio B - 5W30 (TBN 9.3) - è stato completamente esaurito dopo 11.500 km;
  • olio С - 10W30 (TBN 12) - è stato completamente esaurito dopo 18.000 km;
  • olio D - 5W30 (TBN 9.2) - è stato completamente esaurito dopo 11.500 km.

Cioè, l'olio più persistente si è rivelato essere per motori diesel con carichi pesanti. Quali conclusioni si possono trarre sulla base delle informazioni fornite:

  1. Un numero di base elevato (TBN) è fondamentale per le regioni in cui viene venduto carburante diesel di scarsa qualità (in particolare, con impurità S elevate). L'uso di tale olio fornirà un funzionamento del motore più lungo e più sicuro.
  2. Se sei sicuro della qualità del carburante che stai utilizzando, ti sarà sufficiente utilizzare oli con un valore TBN nella regione di 11 ... 12.
  3. Un ragionamento simile vale per i motori a benzina. È meglio riempire gli oli con TBN = 8 ... 10. Ciò ti consentirà di cambiare l'olio meno spesso. Se si utilizza olio con TBN = 6 ... 7, in questo caso, prepararsi a cambi di fluido più frequenti.

Per ragioni generali, va aggiunto che nei motori diesel è necessario cambiare l'olio un po 'più spesso rispetto a quelli a benzina. E vale la pena sceglierlo, anche in base al valore dei numeri di acido e base totali.

risultati

Pertanto, ogni proprietario di auto deve decidere da solo per quanto tempo cambiare l'olio nel motore. Questo deve essere fatto tenendo conto delle circostanze individuali. Si consiglia di utilizzare i metodi per il calcolo delle ore e del consumo di benzina indicati sopra (calcolatrici comprese). Inoltre, sempre valutare visivamente le condizioni dell'olio nel basamento. Ciò ridurrà notevolmente l'usura del motore della tua auto, il che ti eviterà di dover eseguire costose riparazioni. Inoltre, in caso di sostituzione, acquistare oli di qualità consigliati dal produttore.