Controllo del sistema di raffreddamento del motore dell'auto. Come controllare l'aria, i gas, le perdite e l'elettronica

Controllare il sistema di raffreddamento può essere fatto con vari metodi e la loro scelta dipende dal motivo per cui è diventato peggio lavorare. Quindi, quando dallo scarico appare del fumo bianco, è necessario cercare perdite di antigelo, durante l'aerazione del sistema, è necessario controllare la circolazione del liquido di raffreddamento e la sua tenuta. Ha anche senso ispezionare i punti di possibile fuoriuscita fisica di antigelo, controllare il tappo del radiatore e il vaso di espansione, nonché il corretto funzionamento del sensore del liquido di raffreddamento.

Soddisfare:

  • Sintomi di un sistema di raffreddamento malfunzionante
  • Cause di problemi con il sistema di raffreddamento
  • Come controllare il sistema di raffreddamento dell'auto
  • Misure preventive

Come controllare il sistema di raffreddamento

Spesso, dopo aver controllato il sistema di raffreddamento del motore, i proprietari di automobili lo lavano usando mezzi speciali o improvvisati. In alcuni casi, la sostituzione dell'antigelo o dell'antigelo aiuta, perché nel tempo questi fluidi di processo perdono le loro proprietà, oppure sono stati inizialmente selezionati in modo errato, ad esempio, da un precedente proprietario di un'auto.

Sintomi di un sistema di raffreddamento malfunzionante

Ci sono una serie di segni tipici che indicano chiaramente che il sistema di raffreddamento è parzialmente o completamente fuori servizio e deve essere diagnosticato. Tra loro:

  • la comparsa di fumo bianco (in quantità abbondanti) dal tubo di scarico durante il funzionamento del motore;
  • funzionamento improprio della stufa e / o del condizionatore (insufficiente aria calda o fredda);
  • surriscaldamento del motore, soprattutto durante la guida in salita, anche a vettura carica;
  • Diagnostica ECU da scanner con rilevamento errori dopo l'attivazione della spia di avvertenza Check Engine;
  • diminuzione delle caratteristiche dinamiche del motore, perdita della sua potenza;
  • ebollizione di antigelo nel sistema di raffreddamento.

La comparsa di almeno uno dei suddetti sintomi indica che si consiglia all'automobilista di diagnosticare il sistema di raffreddamento del motore.

Cause di un malfunzionamento del sistema di raffreddamento

Quando compaiono i primi segni di un malfunzionamento, è necessario cercarne la causa e, di conseguenza, eseguire lavori di riparazione.

L'uso di un motore a combustione interna con un sistema di raffreddamento non funzionante riduce significativamente le sue prestazioni e le risorse complessive!

Le ragioni del guasto del sistema di raffreddamento possono essere:

  • l'ingresso di liquido di raffreddamento (antigelo o antigelo) nella camera di combustione della miscela aria-carburante;
  • quantità insufficiente di refrigerante nel sistema (le ragioni di ciò, a loro volta, potrebbero essere una perdita o la sua significativa evaporazione);
  • termostato difettoso;
  • guasto parziale o totale della pompa;
  • rottura del sensore di temperatura del liquido di raffreddamento;
  • guasto del ventilatore, del suo circuito elettrico o dei componenti di controllo;
  • depressurizzazione del tappo del vaso di espansione o del tappo del radiatore;
  • depressurizzazione generale del sistema, diminuzione della pressione, sua aerazione.

Ciascuno dei motivi elencati viene diagnosticato a modo suo, in base ai suoi elementi difettosi.

Come controllare il sistema di raffreddamento del motore

Il controllo del sistema di raffreddamento del motore di un'auto richiede l'ispezione di sette componenti. Il compito principale in questo caso è scoprire se ci sono gas nel sistema, controllare la tenuta e determinare i punti di perdite, determinare la pressione nel sistema, la funzionalità della circolazione del refrigerante e anche determinare la temperatura alla quale il i ventilatori e il termostato funzionano.

Pertanto, è necessario diagnosticare i seguenti componenti del sistema di raffreddamento:

  • tubi in gomma, giunti su fascette;
  • l'integrità dell'alloggiamento del radiatore e del vaso di espansione del sistema di raffreddamento;
  • componenti meccanici (cuscinetti) ed elettrici (elettrici) della ventola del sistema;
  • funzionamento e corretta installazione della pompa dell'impianto (pompa);
  • tenuta della guarnizione della testata;
  • funzionalità del sensore di temperatura del liquido di raffreddamento;
  • livello del liquido di raffreddamento nel sistema;
  • coperchio vaso espansione impianto;
  • condizioni del liquido di raffreddamento.

Successivamente, forniremo brevemente informazioni su come diagnosticare gli elementi e i meccanismi di cui sopra.

Come controllare i gas nel sistema di raffreddamento

Un test appropriato consiste nel determinare la presenza di umidità nei gas di scarico e la loro presenza nel sistema di raffreddamento.

Fumi di scarico bianchi

Spesso i gas di scarico bianchi indicano una condizione tecnica insoddisfacente del sistema di raffreddamento e del motore nel suo complesso. Si formano a causa del fatto che l'antigelo (liquido di raffreddamento) scorre dal sistema di raffreddamento direttamente nella camera di combustione, dove viene diluito nella miscela aria-carburante e brucia con esso. Di norma, ciò accade a causa di una guarnizione della testata perforata (testata).

Fumo bianco dal tubo di scarico

I motivi principali per cui il fumo bianco proviene dallo scarico di un'auto diesel o a benzina: umidità, liquido di raffreddamento nei cilindri, acqua nel carburante e una violazione del sistema di iniezione

Più dettagli

Determinare che il fumo bianco è il risultato dell'antigelo che entra nel motore è abbastanza semplice. Per fare ciò, rimuovere l'astina di livello dalla sua sede nel blocco cilindri e controllare l'olio. Inoltre, sia il suo livello che le sue condizioni. Di solito, quando la guarnizione della testata è forata, anche l'olio "andrà via", rispettivamente, il suo livello diminuirà rapidamente. La seconda cosa a cui prestare attenzione sono le sue condizioni. Se l'antigelo entra nell'ambiente dell'olio, l'olio motore diventa bianco e assomiglia a panna acida o panna (a seconda della quantità e della durata della miscelazione di questi due fluidi di processo).

Un altro metodo per controllare i gas di scarico per il refrigerante evaporato consiste nel tenere un panno bianco pulito sul tubo di scarico. Se c'è umidità nei gas di scarico, significa che è entrata nei cilindri o dal carburante o dal sistema di raffreddamento (questo di solito accade quando l'acqua viene utilizzata come antigelo). Se sul tovagliolo rimangono macchie con una tinta bluastra o gialla, si tratta di tracce di antigelo "volato via". Queste macchie di solito hanno un odore aspro. Di conseguenza, è necessario eseguire una diagnostica aggiuntiva.

Controllo dei gas di scarico nel sistema di raffreddamento

Con una guarnizione della testata perforata, spesso si verifica una situazione quando i gas di scarico entrano nel sistema di raffreddamento. I segni possono essere molto diversi, ma coincidono con quelli che si presentano quando il sistema è in onda. Per esempio:

  • Bollicine esplicite nel vaso di espansione e / o nel radiatore. Ciò può essere verificato rimuovendo il coperchio dall'uno o dall'altro dispositivo.
  • La stufa non scalda bene. In estate, il condizionatore d'aria potrebbe non funzionare bene, poiché il sistema funziona sia per il riscaldamento che per il riscaldamento, solo attraverso diversi radiatori (di regola).
  • Il radiatore è parzialmente freddo. Inoltre può avere temperature diverse nelle sue varie parti, in particolare sopra e sotto.

Per determinare se ci sono gas nel sistema di raffreddamento del motore, è possibile utilizzare lo stesso metodo utilizzato per controllare l'integrità della guarnizione della testata: utilizzare un preservativo o un palloncino. La verifica viene eseguita secondo il seguente algoritmo:

  • svitare il tappo del vaso di espansione o del radiatore, a seconda di quale di essi si trovano le valvole vapore e atmosferiche;
  • mettere una palla di gomma sul collo del vaso di espansione o del radiatore, rispettivamente;
  • avviare il motore prima al minimo, poi un po 'di più (più sono i giri, più intensi saranno i gas rilasciati), fino a circa 3000 ... 5000 rpm;
  • se durante il funzionamento un preservativo o una palla inizia a riempirsi di gas di scarico, significa che la guarnizione della testata è rotta.

Non è consigliabile utilizzare un'auto con un sistema di raffreddamento con aria condizionata (inquinato da gas), almeno a lungo termine, poiché questo è irto di un significativo surriscaldamento del motore e di un guasto parziale o completo di esso.

Come verificare la presenza di una perdita

Un altro problema comune con il sistema di raffreddamento del motore di un'auto è la sua depressurizzazione. A causa di ciò c'è una perdita di liquido o ariosità (sebbene possa verificarsi per altri motivi). La depressurizzazione può verificarsi in una varietà di luoghi, ma più spesso alle giunture dei tubi.

Perché l'antigelo va

Perché il livello di antigelo nell'impianto diminuisce costantemente? Come trovare la causa e risolvere il problema. Leggi questo e altro in questo materiale.

Più dettagli

Verifica della tenuta del sistema di raffreddamento

Il liquido di raffreddamento esce proprio a causa della depressurizzazione del sistema. Quindi, per verificare la tenuta, è necessario rivedere i seguenti elementi:

  • alloggiamento e / o coperchio del vaso di espansione del sistema di raffreddamento del motore;
  • guarnizione del termostato;
  • tubi, tubi flessibili, fascette e giunti nel sistema di raffreddamento (dipende dall'auto e dal motore specifici);
  • alloggiamento del radiatore;
  • tenuta a premistoppa della pompa e relativa guarnizione;
  • guarnizione testata cilindri.

La presenza di perdite è determinata visivamente, dalla presenza di punti bagnati o utilizzando un test ultravioletto. È disponibile in commercio uno speciale composto fluorescente che può essere aggiunto all'antigelo prima di versarlo nel sistema. Inoltre, in molti antigelo moderni, tali additivi sono inizialmente inclusi nella loro composizione dalla fabbrica. L'uso di additivi fluorescenti fornirà ulteriore comodità nella diagnostica, poiché in caso di una perdita di refrigerante, sarà sufficiente utilizzare una lampada ultravioletta per localizzare il danno, il che ridurrà significativamente il tempo e gli sforzi del proprietario dell'auto o del caposquadra per localizzare la perdita.

Pressione del sistema

Deve sempre esserci una sovrapressione nel sistema di raffreddamento. Ciò è necessario per aumentare il punto di ebollizione del liquido di raffreddamento, poiché è noto dalle leggi della fisica che il punto di ebollizione aumenta all'aumentare della sua pressione. Nella maggior parte delle auto moderne, la temperatura dell'antigelo alla normale temperatura di esercizio del motore è di circa + 80 ° C ... + 90 ° C. Di conseguenza, se si verifica la depressurizzazione, la pressione diminuirà e con essa diminuirà anche il punto di ebollizione del liquido di raffreddamento. A proposito, il punto di ebollizione del vecchio antigelo è inferiore a quello appena versatopertanto, il liquido di raffreddamento deve essere cambiato secondo le normative.

Tuttavia, c'è anche il problema opposto, quando la pressione nel sistema di raffreddamento aumenta in modo significativo. Solitamente questa situazione si verifica a causa del fatto che la valvola dell'aria nel tappo del radiatore o nel vaso di espansione è difettosa (su macchine diverse, questa valvola può essere installata sull'uno o sull'altro tappo). Come controllarlo ea cosa serve - leggi nella sezione successiva.

Una pressione eccessiva è pericolosa perché anche un nuovo antigelo progettato per un punto di ebollizione di circa + 130 ° C può bollire in tali condizioni con tutte le conseguenze che ne derivano. Pertanto, se si osserva una situazione simile nell'auto, si consiglia di sostituire semplicemente il tappo del radiatore con uno nuovo. Come ultima risorsa, puoi provare a pulire e riparare quello vecchio, ma questa non è l'idea migliore.

Copertura del radiatore

Come accennato in precedenza, la pressione nel sistema di raffreddamento non è costante e aumenta con il riscaldamento del fluido. Il rabbocco dell'antigelo avviene attraverso il tappo del radiatore o attraverso il tappo del vaso di espansione. Il coperchio del radiatore ha due valvole nel suo design: bypass (un altro nome è vapore) e atmosferico (ingresso). La valvola di bypass è necessaria per controllare senza problemi la pressione all'interno del sistema. Viene utilizzato per alleviare la pressione in eccesso e mantenere la pressione a un determinato livello. Utilizzato quando il motore è in funzione. Il compito della valvola atmosferica è l'opposto, ed è quello di garantire una graduale immissione di aria nell'impianto attraverso il coperchio durante il raffreddamento del liquido di raffreddamento nell'impianto. Di solito, il valore minimo è di circa 50 kPa (sulle vecchie auto sovietiche) e il massimo è di circa 130 kPa (sulle moderne auto straniere).

Come controllare il tappo del radiatore

Se il tappo del radiatore di raffreddamento del motore non funziona correttamente, non solo l'antigelo potrebbe fuoriuscire, ma l'intero sistema di raffreddamento potrebbe non funzionare correttamente. Per controllare rapidamente la pressione del tappo, è necessario ...

Più dettagli

Il controllo del sistema di raffreddamento include, tra le altre cose, la revisione del tappo del radiatore e delle valvole menzionate incluse nel suo design. Oltre a loro, è necessario verificare le sue condizioni generali (usura del filo, superficie, presenza di crepe, presenza di corrosione). È inoltre necessario controllare la molla del coperchio e la sua connessione di tenuta. Se il coperchio non funziona correttamente, quando l'antigelo si riscalda, i tubi e persino il radiatore si gonfieranno e, una volta raffreddati, si restringeranno. In ogni caso, tale deformazione influenzerà negativamente sia le condizioni del radiatore stesso che il funzionamento del sistema nel suo complesso.

Controllo della ventola di raffreddamento

Prima di controllare la ventola del sistema di raffreddamento, è necessario tenere presente che esistono tre tipi di azionamento: meccanico, idromeccanico ed elettrico. La trasmissione meccanica era utilizzata nelle auto a carburatore più vecchie ed era azionata da una cinghia di tensionamento collegata all'albero motore.

La trasmissione idromeccanica implica l'uso di una trasmissione idraulica, cioè un sistema idraulico, che è piuttosto raro. La ventola è azionata da un giunto viscoso. Trasferisce la coppia dall'albero motore direttamente alla ventola. La frizione viscosa regola la velocità della ventola introducendo fluido di riempimento siliconico nell'olio. La frizione idraulica regola la velocità della ventola a causa della quantità di fluido in essa contenuta.

L'azionamento della ventola di raffreddamento più comune è elettrico. Il controllo viene effettuato direttamente dalla ECU sulla base delle informazioni provenienti da diversi sensori, incluso il sensore di temperatura del liquido di raffreddamento.

Le informazioni di cui sopra sono necessarie per capire cosa controllare in un caso particolare. Quindi, nella trasmissione meccanica più semplice, è possibile controllare la tensione della cinghia, l'integrità dei cuscinetti del ventilatore, la sua girante e la sua pulizia.

Per i ventilatori controllati da una frizione viscosa o idraulica, è inoltre necessario controllare i cuscinetti di rotazione e lo stato della girante. Tuttavia, la cosa più importante è il funzionamento degli accoppiamenti. È meglio non farlo da soli, ma chiedere aiuto a un servizio di auto, poiché sono necessarie attrezzature aggiuntive per il controllo e lo smantellamento.

La diagnostica dell'azionamento dell'elettroventilatore più comune prevede il controllo dei seguenti componenti:

  • sensore di temperatura del liquido di raffreddamento;
  • interruttore ventilatore su relè;
  • motore della ventola;
  • cuscinetti e girante del ventilatore;
  • la presenza di un segnale e alimentazione dalla ECU.

Per fare ciò, è necessario utilizzare un multimetro elettronico convenzionale, incluso nella modalità di misurazione della tensione CC.

Come controllare la circolazione del liquido di raffreddamento

La pompa e il termostato sono responsabili della circolazione. Pertanto, se le sue prestazioni vengono violate, la pressione nel sistema di raffreddamento cambierà. Quindi un punto di controllo obbligatorio è verificare la presenza di guasti alla pompa e controllare il termostato. Inoltre, la circolazione è disturbata se il radiatore è intasato da prodotti di decomposizione dell'antigelo, quindi deve essere anche controllato.

Termostato

Il termostato consente al motore di riscaldarsi più rapidamente e consente al liquido di raffreddamento di raggiungere la temperatura di esercizio durante la stagione fredda e impedisce il surriscaldamento del motore durante la stagione calda. Controllare questo è abbastanza semplice, senza nemmeno smontarlo dall'auto. Tuttavia, prima di ciò, è necessario trovare il termostato. Di norma, il termostato si trova dietro il radiatore ed è collegato ad esso con un tubo spesso, che dovrebbe essere guidato da. Il controllo viene eseguito secondo il seguente algoritmo:

  • avviare il motore al minimo e farlo girare in questa modalità per uno o due minuti in modo che la temperatura dell'antigelo non superi i + 70 ° C;
  • aprire la cappa e controllare al tatto il tubo dal radiatore al termostato, deve essere freddo;
  • quando la temperatura impostata del liquido di raffreddamento viene superata (circa + 80 ° C ... + 90 ° C), il termostato deve funzionare e avviare l'antigelo in un cerchio grande;
  • in questo caso, detto tubo di derivazione deve essere riscaldato alla temperatura opportuna.

Se il termostato non si apre durante il controllo, o è aperto fin dall'inizio, è necessario eseguire la sua diagnostica aggiuntiva dopo il suo smantellamento. Fatelo in una casseruola con acqua calda e un termometro.

Il termostato potrebbe guastarsi completamente (cosa che non accade spesso) o potrebbe semplicemente essere bloccato a causa di detriti. In questo caso, può essere semplicemente pulito e reinstallato, ma è meglio sostituirlo con uno nuovo.

Termosifone

Il controllo di un radiatore consiste nel scoprire se c'è una perdita o un tappo nel suo alloggiamento e se raffredda efficacemente l'antigelo. Di conseguenza, per controllare, è necessario ispezionare attentamente il corpo del radiatore (quando è freddo), nonché i punti dei suoi collegamenti con i tubi corrispondenti. In presenza di microfessure, il refrigerante filtrerà attraverso di esse, poiché l'antigelo è molto fluido. Ad esempio, puoi trovarne gocce sull'asfalto (o su un'altra superficie) dopo un parcheggio a lungo termine.

L'efficienza del radiatore può anche essere verificata dal fatto che se tutti gli altri elementi del sistema di raffreddamento funzionano normalmente, allora, molto probabilmente, il radiatore è semplicemente intasato dall'interno e non è in grado di svolgere adeguatamente le sue funzioni. In questo caso è possibile pulire o l'intero sistema di raffreddamento nel suo insieme (in ogni caso non si danneggerà), oppure smontare il radiatore (se possibile) e pulirlo separatamente dall'esterno e dall'interno.

Controllo del sensore di temperatura del liquido di raffreddamento

Tutte le auto moderne, i cui motori sono controllati da un'unità elettronica (ECU), hanno un sensore di temperatura del liquido di raffreddamento. È necessario per trasmettere le informazioni rilevanti all'ECU, che a sua volta corregge altri segnali relativi al lavoro.

Controllo del sensore di temperatura del liquido di raffreddamento

Il controllo del sensore di temperatura del liquido di raffreddamento del motore dell'auto viene eseguito utilizzando un multimetro. A seconda del metodo, saranno necessarie anche risorse aggiuntive, ma è richiesta la presenza di dati di resistenza tabulari e nominali

Più dettagli

Il sensore di temperatura del liquido di raffreddamento (abbreviato come DTOZH) è un termistore, cioè un resistore che cambia la sua resistenza elettrica interna a seconda di come cambia la temperatura del suo elemento sensibile. Quest'ultimo è posto nella linea del refrigerante per svolgere le funzioni corrispondenti.Il sensore viene controllato utilizzando un multimetro elettronico commutato alla modalità ohmmetro, cioè alla modalità di misurazione della resistenza elettrica.

Condizione del liquido di raffreddamento

Innanzitutto va ricordato che ogni casa automobilistica consiglia un certo tipo di antigelo per le auto che produce. Inoltre, alcuni di essi possono essere mescolati tra loro e altri assolutamente no! Di conseguenza, è necessario utilizzare antigelo della classe consigliata. Inoltre, è presente un elenco di manutenzione ordinaria, che include la sostituzione periodica del liquido di raffreddamento. In media, si consiglia di farlo ogni due anni.

Durante il controllo del sistema di raffreddamento, prestare attenzione al livello e alle condizioni dell'antigelo. Il livello può essere monitorato in corrispondenza dei corrispondenti segni MIN e MAX sulle pareti del vaso di espansione. Inoltre, è ugualmente dannoso quando c'è pochissimo liquido e quando è in eccesso. Tuttavia, di solito evapora gradualmente, quindi è necessario aggiungere periodicamente antigelo o antigelo.

Inoltre, durante il monitoraggio del liquido di raffreddamento, è importante prestare attenzione alle sue condizioni. In particolare, dovrebbe essere il più pulito e trasparente possibile. Se l'antigelo contiene molte impurità e / o detriti, allora perderà alcune delle sue caratteristiche prestazionali, in particolare, il suo punto di ebollizione si abbasserà con tutte le conseguenze che ne derivano. È inoltre necessario prestare attenzione alla presenza di un film d'olio sulla superficie del liquido nel serbatoio di espansione. Se si verifica, il fluido deve essere sostituito e il sistema deve essere ulteriormente diagnosticato per la localizzazione del luogo da cui l'olio penetra nell'antigelo.

L'ultimo controllo in questa chiave è l'odore. Di solito il nuovo antigelo ha un odore dolce. Se invece il liquido di raffreddamento emette una bruciatura e ha odore di bruciato significa che è parzialmente fuori uso ed è meglio sostituirlo.

Manutenzione del sistema di raffreddamento del motore

Di norma, i problemi del sistema di raffreddamento sono associati a una manutenzione prematura o di scarsa qualità dei suoi singoli elementi o all'uso di antigelo inadatto. Di conseguenza, affinché il sistema di raffreddamento funzioni correttamente e svolga le sue funzioni a lungo termine, è necessario eseguire periodicamente la sua manutenzione e diagnostica. L'elenco di queste procedure include:

  • l'uso di antigelo, il cui tipo è prescritto dal produttore dell'auto;
  • sostituzione tempestiva del liquido di raffreddamento;
  • controllare la tenuta del sistema, i valori di pressione in esso contenuti;
  • corretto funzionamento dei singoli componenti, quali pompa, radiatore, vaso di espansione, tubazioni, fascette;
  • lavare periodicamente l'impianto con mezzi appropriati;
  • diagnostica del sensore di temperatura del liquido di raffreddamento.

Ricorda che le misure preventive sono sempre meno laboriose e richiedono meno tempo per essere completate. Inoltre, un sistema di raffreddamento riparabile aumenta la durata complessiva del motore del veicolo.