Controllo dei sensori parktronic. 5 modi per controllare i sensori di parcheggio a 2 e 3 pin

Come controllare il sensore di parcheggio

Domanda come controllare il sensore di parcheggio, deriva dai proprietari di auto in caso di guasto del sistema di assistenza al parcheggio. Un controllo indipendente del sensore di parcheggio viene effettuato utilizzando un esame tattile, un multimetro o uno smartphone. Nell'articolo verrà preso in considerazione come scoprire le prestazioni dei sensori di parcheggio.

Soddisfare:

  • Come funzionano i sensori di parcheggio
  • Malfunzionamenti del sensore
  • Come controllare i sensori di parcheggio

Quale parametro del sensore viene controllatoCosa devi controllare
VibrazioneControllo tattile
Un altro sensore di parcheggio con LED saldati ad esso
Clic udibiliTest dell'udito
Applicazione di registrazione vocale su uno smartphone con la possibilità di costruire un diagramma delle onde sonore
Resistenza all'avvolgimentoMultimetro elettronico in modalità ohmmetro

Come funziona il sensore di parcheggio?

Il principio di funzionamento dei sensori parktronic

Prima di procedere a considerare la questione di come controllare il sensore di parcheggio, è necessario capire come funziona generalmente, poiché esistono due tipi di sensori di parcheggio: ultrasonico ed elettromagnetico. I primi sono più comuni. Il loro principio di funzionamento si basa sul fatto che emettono onde ultrasoniche e catturano il loro riflesso da un ostacolo. La distanza tra il sensore e l'interferenza è calcolata dall'unità principale dalla differenza nel tempo di emissione.

I sensori elettromagnetici sono un nastro che emette un campo elettromagnetico. Il nastro è installato all'interno dei paraurti anteriore e posteriore. Tali sensori sono più moderni e affidabili, ma piuttosto costosi, quindi sono rari e solo su auto premium.

Malfunzionamento del sensore Parktronic

Secondo le statistiche, i sensori parktronic raramente si guastano, solitamente a causa del loro danneggiamento o di un funzionamento errato nella stagione calda. I malfunzionamenti più comuni del sensore di parcheggio sono:

Sensore Parktronic con cablaggio e connettore di collegamento

  • corrosione dei contatti, ingresso di umidità nella custodia attraverso crepe nella custodia;
  • guasto del componente elettronico del sensore;
  • contaminazione della superficie di lavoro del sensore di parcheggio;
  • danno meccanico al sensore a seguito di incidente, urto;
  • danneggiamento del cablaggio (tipico soprattutto per i sensori anteriori a causa dell'ingresso di sporco e sostanze chimiche su di essi);
  • difetto di fabbricazione del sensore o sua scarsa qualità (il più delle volte un falso).

A causa del danneggiamento di uno o più sensori, il sistema parktronic potrebbe non funzionare affatto o, al contrario, emettere costantemente un segnale acustico, attivandosi in modo errato. E quando i cavi del sensore sono chiusi in caso di pioggia, spesso viene visualizzato il messaggio "Errore sensore di parcheggio".

Inoltre, a volte i proprietari di auto pensano che il malfunzionamento sia dovuto allo sporco sulla superficie di lavoro del sensore o al fatto che è stato verniciato per abbinare il colore del paraurti. Pertanto, sorge una domanda logica: "È possibile verniciare i sensori di parcheggio?". La risposta è sì, puoi, ma ci sono diverse condizioni. In particolare:

Processo di verniciatura del sensore

  • È meglio dipingere i sensori anche prima dell'installazione sull'auto. Se sono già installati, è necessario estrarli leggermente dal paraurti (circa un centimetro) e coprire il paraurti dietro di loro con nastro adesivo.
  • Prima della verniciatura, la superficie dei sensori deve essere pulita con carta vetrata (400 ° o 360 °). Ciò è particolarmente vero se il sensore presenta danni meccanici o graffi.
  • Dopo la pulizia, la superficie dei sensori deve essere sgrassata.
  • Primerizzare con primer acrilico.
  • Se i sensori sono nuovi e di plastica, è possibile pulire la superficie con carta vetrata fine o nastro adesivo grigio e applicare un primer sulla plastica.
  • Dopo le procedure descritte, i sensori possono essere verniciati.

Ci sono molte recensioni su Internet che il sensore parktronic ha smesso di funzionare dopo la verniciatura. Tuttavia, la maggior parte di essi è dovuta al fatto che nel processo di lavoro è stata violata la tecnologia della pittura e il trattamento preliminare della loro superficie.

Vale la pena notare che quei sistemi di parcheggio installati su un'auto da una catena di montaggio sono più complessi. E molto spesso, se anche un solo sensore si guasta, il sistema perde completamente la sua funzionalità. Gli stessi sistemi di parcheggio che sono stati installati in aggiunta sono più semplici. Quando uno dei sensori parktronic si guasta, le sue prestazioni vengono parzialmente preservate.

Controllo del sensore Parktronic

È possibile controllare il sensore di parcheggio a ultrasuoni in uno dei quattro modi seguenti: tattilmente, utilizzando uno smartphone, utilizzando un tester elettronico e anche utilizzando uno scanner elettronico di errori.

Controllo tattile delle prestazioni

Controllo tattile della superficie della sonda

Ha senso iniziare a controllare il sensore di parcheggio con una regolare ispezione visiva. Tuttavia, prima di eseguire questa operazione, è necessario avviare il motore e inserire la marcia, ma non guidare. Per lavoro, avrai bisogno di un partner che eseguirà le azioni specificate in macchina, mentre ispezionerai i sensori. Per controllare i sensori di parcheggio posteriori, è necessario inserire la retromarcia. Per controllare i sensori anteriori, è necessario inserire la prima marcia sul cambio manuale, oppure impostare la modalità "Drive" sul cambio automatico.

Quando il sensore è in buone condizioni e attivato, quindi l'avvicinamento diretto di qualsiasi oggetto ad esso (il modo più semplice è controllare con il dito) emette clic sottili (circa 5 ... 10 clic al secondo). Se ci metti il ​​dito sopra - la superficie del sensore dovrebbe vibrare leggermente... Per una migliore sensazione di vibrazione, è necessario spostare leggermente il dito su di essa.

Pertanto, è necessario controllare a turno ogni sensore di parcheggio. In questo caso, il partner in cabina deve monitorare come il sistema reagisce al contatto con i sensori nel loro complesso. Ciò consentirà di determinare quale sensore ha avuto esito negativo. Se tutti i sensori non funzionano, molto probabilmente, problemi con il modulo sensori di parcheggio o con il cablaggio.

Come controllare la funzionalità del sensore di parcheggio con uno smartphone

Registrazione e diagramma delle onde sonore sullo smartphone

Ci sono sensori parktronic che vibrano molto debolmente e il suono che emana da essi non viene praticamente catturato dall'orecchio. In questo caso, ha senso utilizzare un dittafono su uno smartphone per la diagnostica. Tuttavia, non è necessario un semplice registratore vocale, ma un'applicazione che consente di costruire un diagramma del suono in arrivo. Il sistema operativo e l'applicazione stessa sono irrilevanti in questo caso.

Per la diagnostica, è necessario attivare l'applicazione e portare il microfono di rilevamento sul sensore PDC diagnosticato. Si consiglia di non installare il microfono in un punto, ma di scuoterlo leggermente vicino al sensore con un'ampiezza di 2 ... 3 centimetri. La registrazione del segnale dovrebbe durare circa 30 secondi. Alla fine, devi ascoltare la registrazione. Innanzitutto, se ci sono segnali, saranno visibili sul diagramma. In secondo luogo, ci saranno clic chiaramente udibili sulla registrazione da un sensore funzionante.

Come controllare il sensore di parcheggio con un multimetro

Controllo del sensore con un multimetro

Il metodo più affidabile per controllare la funzionalità dei sensori di parcheggio è utilizzare un multimetro. Per fare ciò, il tester deve essere impostato sulla modalità di misurazione della resistenza elettrica. E i sensori devono essere rimossi dall'auto.

Il valore di resistenza per i diversi sensori sarà diverso, tuttavia, è importante verificare l'assenza di un circuito aperto e di cortocircuito nel suo circuito.Per i sensori parktronic a tre pin, il pinout è solitamente il seguente: il primo contatto è il "più", il secondo contatto è il segnale e il terzo contatto è il "meno".

In un sensore funzionante tra "più" e "meno", la resistenza dovrebbe essere superiore a 0,5 megohm (maggiore è, meglio è). Deve essere presente una resistenza di circa 2 ... 40 kOhm tra il "meno" e il contatto di segnale (a seconda del sensore). Ci sarà una resistenza simile tra il contatto di segnale e il "più", circa 2 ... 40 kOhm.

In alcuni casi, anche per sensori difettosi, il valore delle resistenze misurate sarà normale, quindi se questo è il caso, è necessario eseguire una diagnostica aggiuntiva.

Controllo con un elemento piezoelettrico

Sensore con LED saldati ad esso

I sensori Parktronic, infatti, sono elementi piezoelettrici. Cambiano la loro forma (vibrano) dalla tensione applicata a loro. Ma c'è anche l'effetto opposto: quando vibra, l'elemento piezoelettrico genera tensione. Questo effetto può essere utilizzato per i test. Per fare ciò, avrai bisogno di un altro sensore parktronic (solo non standard) con un filo schermato e due LED.

Questi LED devono essere saldati al filo di uscita del sensore in uno schema antiparallelo. Ciò consentirà ai LED di accendersi alternativamente nella loro polarità. Successivamente, è necessario pulire la membrana del sensore e collegarla al sensore in prova sull'auto. Se vibra, i LED lampeggeranno. Questo metodo è adatto per testare i sensori di parcheggio che non possono vibrare con le dita.

Programma diagnostico del sensore Parktronic

Puoi anche diagnosticare i sensori di parcheggio in un'auto utilizzando strumenti software. Per fare ciò, è necessario disporre di uno scanner elettronico (il modo più semplice è portatile sul chip ELM327) e un programma diagnostico installato su uno smartphone (uno dei più popolari è ELM Config).

Il programma consente di leggere gli errori da vari sistemi del veicolo, inclusi i sensori di parcheggio. La sezione in cui è necessario esaminare la presenza di errori nel sensore parktronic si chiama PAM in inglese. Dopo aver fatto clic sul pulsante per la lettura degli errori, il programma fornirà le informazioni corrispondenti.

Conclusione

Il sensore parktronic si guasta raramente e, se si guasta, ciò è dovuto a danni meccanici, inquinamento, danni al cablaggio o penetrazione di umidità attraverso una fessura nella custodia. In caso di malfunzionamento, i sensori devono solo essere puliti, ispezionati visivamente e cercare di determinare l'azionamento a orecchio. Se questo non aiuta, è necessario smontarli e controllare la resistenza con un multimetro.