Benzina nell'olio: i motivi per cui entra e come determinarla nel basamento del motore

Benzina sott'olio porta ad una diminuzione della viscosità del lubrificante, nonché una perdita delle sue caratteristiche prestazionali. Come conseguenza di un tale problema, il motore inizia ad avviarsi male "caldo", la sua dinamica diminuisce e il consumo di carburante della vettura nel suo complesso aumenta. Ci sono molte ragioni per cui la benzina appare nel carter: guasto parziale della pompa del carburante (sui motori del carburatore), perdita di tenuta delle guarnizioni, diminuzione della compressione e alcuni altri. È possibile determinare il motivo esatto per cui la benzina entra nell'olio anche in un garage. Esistono diversi metodi collaudati per questo.

Soddisfare:

  • Segni che ti permetteranno di scoprire se c'è benzina nell'olio
  • Motivi per cui la benzina finisce nell'olio motore
  • Come determinare
  • Come risolvere il problema

Benzina nell'olio motore

Come capire se c'è benzina nell'olio (segni)

Ci sono dieci segni principali che indicano che c'è benzina nell'olio motore.

  1. L'olio odora di benzina... Questo di solito si avverte chiaramente quando si controlla il livello del lubrificante nel carter. Puoi annusare sia l'astina di livello che il foro di riempimento. L'odore è particolarmente evidente quando il motore è caldo. Spesso l'odore non è benzina, ma acetone.
  2. Il livello dell'olio aumenta gradualmente nonostante non sia stato rabboccato nel basamento. Questo di solito non avviene all'improvviso, ma gradualmente, poiché il veicolo viene utilizzato a lungo termine.
  3. Aumento del consumo di carburante (benzina) parallelamente ad un aumento del livello dell'olio.
  4. L'olio diventa più sottile... Cioè, perde la sua viscosità. Questo può essere determinato semplicemente al tatto, provando la composizione con le dita su un'astina di livello. O guarda solo che l'olio ha iniziato a defluire facilmente dall'astina, anche se questo non era stato osservato prima.
  5. Ridurre la pressione dell'olio... Inoltre, questo fatto può essere accompagnato da un contemporaneo aumento del suo livello nel basamento. Ciò è dovuto alla sua liquefazione (particolarmente vero per gli oli viscosi).
  6. Difficoltà ad avviare il motore "a caldo"... Ciò è dovuto alla perdita di viscosità dell'olio.
  7. Perdita di potenza del motore... Ciò si riflette in una diminuzione delle caratteristiche dinamiche, nonché in una perdita di trazione (l'auto accelera male, non tira in salita). A causa dell'aumento dell'attrito tra le parti del KShM.
  8. Aumento spontaneo del regime minimo del motore... Tipico per i motori a iniezione.
  9. Errori nella memoria della ECU... In particolare, sono associati alla formazione di una ricca miscela aria-carburante, mancate accensioni e malfunzionamenti della sonda lambda (sensore ossigeno).
  10. I gas di scarico acquisiscono un odore più aspro, simile al carburante... A volte, insieme a questo, acquisiscono un'ombra più scura.

Si prega di notare che gli ultimi tre segni possono indicare altri guasti al motore dell'auto, quindi è consigliabile effettuare una diagnosi completa, principalmente utilizzando scanner diagnostici. Il problema con l'ingresso di carburante nell'olio si trova anche nelle unità di potenza diesel, tuttavia, è determinato dagli stessi segni, ma le ragioni di questi due tipi di motori saranno diverse.

Motivi per cui la benzina è nel petrolio

Ci sono molti motivi per cui la benzina è entrata nell'olio, inclusi quelli dipendono dal tipo di sistema di alimentazione del motore (carburatore, iniezione, iniezione diretta). Consideriamoli in ordine e iniziamo con un motore a benzina a iniezione:

  • Uso di carburante di bassa qualità... Può danneggiare le guarnizioni attraverso le quali il carburante penetra nel motore nel tempo. Inoltre, la miscela aria-carburante creata da essa può danneggiare le superfici di cilindri, pistoni, valvole.
  • Uso di additivi di bassa qualità... Additivi per carburante scadenti possono danneggiare le guarnizioni. Pertanto, è necessario avvicinarsi al loro utilizzo con una comprensione della questione e scegliere lo strumento giusto.
  • Fasce elastiche del cilindro usurate e scarsa compressione... Questo di solito accade per motivi naturali a seguito di un uso prolungato dell'auto oa causa di danni meccanici. Per questo motivo il carburante fluisce direttamente nel carter dove si miscela con l'olio motore.
  • Sistema EGR difettoso... Anche un funzionamento improprio del sistema di ricircolo dei gas di scarico può causare l'ingresso di benzina nell'olio.
  • Salta gli ugelli... Per i motori con iniezione diretta di carburante (ad esempio, TSI), se gli iniettori vengono persi, una piccola quantità di benzina da essi filtrerà nell'olio motore all'avvio del motore. Quindi, dopo aver parcheggiato con l'accensione inserita (quando la pompa genera una pressione fino a 130 bar), la pressione nel rail del carburante contribuisce al fatto che la benzina entra nella camera di combustione e attraverso lo spazio negli anelli - nell'olio . Un problema simile (anche se in misura minore) può verificarsi nei motori a iniezione convenzionali.
  • Regolatore del carburante a depressione difettoso... Se non funziona correttamente, parte del carburante ritorna al motore e si miscela con l'olio attraverso le fessure.
  • Ricca miscela aria / carburante... La formazione di una miscela ricca può essere dovuta a vari motivi. Sui motori a iniezione, ciò è dovuto a un malfunzionamento dei sensori o degli iniettori e nelle macchine a carburatore, il carburatore potrebbe semplicemente essere configurato in modo errato.
  • Bobina di accensione / candela / cavi ad alta tensione difettosi... Il risultato di ciò è che la miscela aria-carburante in un particolare cilindro non si brucia. L'aria evapora naturalmente e il vapore del carburante rimane sulle pareti del cilindro, da dove entra nel carter.

Consideriamo separatamente le ragioni per i motori a carburatore:

  • Danni alla membrana della pompa del carburante... Ciò può accadere per motivi naturali (invecchiamento e usura) o come conseguenza di danni meccanici. La parte inferiore del diaframma è progettata per proteggere la sua parte superiore dai gas nocivi del blow-by. Di conseguenza, se uno strato è danneggiato, può verificarsi una situazione in cui la benzina penetra nel carter, mescolandosi con il lubrificante lì.
  • Problemi alla valvola a spillo... Nel tempo, può anche subire danni e malfunzionamenti, consentendo il passaggio del gas.
  • Impostazione errata del carburatore... Di conseguenza, la benzina potrebbe traboccare nel carburatore, inclusa la formazione di una ricca miscela aria-carburante. E se il diaframma è danneggiato, la situazione non fa che peggiorare.

Come identificare la benzina nell'olio

Qualsiasi proprietario di auto può determinare se c'è benzina nell'olio durante una procedura standard al mattino prima di avviare il motore. Questo può essere fatto utilizzando uno dei metodi seguenti.

Controlla l'odore

Il metodo di prova più semplice che ti permetterà di scoprire la benzina nell'olio è annusare l'olio quando si controlla il livello con l'astina di livello oppure svitando il tappo del bocchettone di riempimento olio. Se l'olio nel motore odora di benzina, questo dovrebbe avvisarti e costringerti a eseguire diversi altri controlli. Nota che l'olio può odorare non di benzina, ma di acetone... Dipende dalla qualità della benzina e dell'olio utilizzati, dalle condizioni del fluido lubrificante e da altri motivi.

Prova di gocciolamento

Spesso, con un cambiamento nell'odore dell'olio, diventa più liquido, cioè inizia a drenare facilmente dall'astina di livello.È inoltre necessario prestare attenzione a questo, soprattutto se l'olio è stato riempito per molto tempo, ad esempio, il chilometraggio su di esso è già superiore alla metà del periodo operativo. Pertanto, oltre al lubrificante per l'odore, eseguire un test di gocciolamento per determinare la qualità dell'olio.

Quindi, per eseguirlo, è sufficiente far cadere alcuni grammi del lubrificante di prova su carta comune. Non otterrai una risposta immediata, perché devi lasciarla in un luogo caldo per almeno un paio d'ore (preferibilmente 12). Ma, dopo aver analizzato le zone di diffusione (lungo i bordi del cerchio ci sarà un settore che ha una tinta giallastra o rossastra), quindi, con un alto grado di probabilità, la benzina entra o meno nel petrolio.

E per ridurre a zero l'errore di sospetto, vale la pena dare un'occhiata più da vicino ai segni sopra considerati e verificare la combustione.

Olio motore in fiamme

Molti automobilisti esperti, per scoprire se la benzina è nell'olio, suggeriscono semplicemente di dare fuoco al fluido lubrificante. I conducenti inesperti, che non hanno mai riscontrato un problema del genere, spesso cercano erroneamente di accendere semplicemente l'olio direttamente sull'astina di livello. Questo approccio non darà risultati, se non che c'è già una parte critica di benzina nel petrolio, ma questo accade raramente, e anche questo sarà visto da altri segni evidenti.

Infatti è necessario dare fuoco all'olio riscaldato in una provetta... Quindi, per questo è necessario prendere un tubo di vetro con un collo stretto e versarvi una piccola quantità di olio. Se la provetta ha un fondo piatto, è meglio riscaldarla su una stufa elettrica. Se la provetta ha un fondo arrotondato, puoi portarla in pinze da laboratorio e riscaldarla su una fonte di fuoco aperto (fornello, candela, alcool secco, ecc.). Si prega di notare che durante il processo di riscaldamento, il collo (parte superiore) della provetta deve essere sigillato ermeticamente con un tappo in modo che la benzina non evapori durante il riscaldamento.

La temperatura di accensione dei vapori dell'olio motore è molto più alta di quella dei vapori della benzina, quindi gli oli non bruceranno in condizioni normali. Inoltre, dopo un certo periodo di tempo, quando i campioni di prova sono sufficientemente riscaldati, è necessario aprire il coperchio della provetta e portare rapidamente una fonte di fiamma libera (accendino, fiammifero). Se i vapori in fuga non si sono accesi, molto probabilmente non c'è benzina nell'olio o la sua quantità è trascurabile. Di conseguenza, se la presenza di benzina è grave, una lingua di fiamma apparirà sul collo della provetta. In questo caso, sarà il risultato della combustione dei vapori di benzina emanati dal fluido lubrificante nella provetta.

Durante l'esecuzione delle prove descritte, osservare le norme di sicurezza e le norme di sicurezza antincendio !!!

Cosa fare quando la benzina entra nel petrolio

Se trovi che c'è carburante nell'olio motore, la prima cosa a cui pensare è la diagnostica per determinare la causa e sostituire l'olio stesso. È impossibile far funzionare l'auto per molto tempo in questa modalità!

La ricerca delle perdite di carburante nell'olio motore inizia con il controllo della compressione, delle guarnizioni degli iniettori e delle loro prestazioni. La diagnostica degli iniettori può essere eseguita con o senza smontaggio. Sulle auto a carburatore, è necessario controllare l'impostazione del carburatore, meno spesso sostituiscono il meccanismo dell'ago e il gruppo sella.

Parallelamente al controllo del funzionamento del sistema di alimentazione del sistema, vale la pena svitare e controllare le candele. Il colore dei depositi carboniosi e il loro stato permetteranno di giudicare il funzionamento del sistema di accensione.

Quali sono le conseguenze di guidare un'auto con benzina nell'olio

Ma cosa succederà se la benzina penetra nell'olio e non viene rilevata in tempo? L'auto può essere utilizzata in tali condizioni? Risponderemo subito: puoi sfruttarlo, ma non per molto.

Ciò è dovuto al fatto che il carburante, entrando nel carter, diluisce in modo significativo il fluido lubrificante, interrompendone le prestazioni.Una diminuzione della viscosità porta a una lubrificazione di scarsa qualità delle singole parti del motore, questo è particolarmente vero quando funziona ad alte temperature e con carichi elevati. Inoltre, la benzina neutralizza l'effetto degli additivi in ‚Äč‚Äčessa contenuti.

Un cambiamento nella composizione dell'olio porta all'usura del motore e ad una significativa riduzione delle sue risorse complessive (fino alla revisione).

Nelle situazioni più critiche, l'olio nel motore può semplicemente accendersi con tutte le conseguenze che ne derivano!

Pertanto, per non portare al verificarsi di tali situazioni e per preservare il più possibile la risorsa del motore, è necessario eseguire la diagnostica e le misure di riparazione appropriate il prima possibile.