La scelta corretta dell'olio motore. 4 punti principali

La domanda è quale olio è meglio riempire nel motorepreoccupa molti proprietari di auto. La scelta del lubrificante si basa spesso sulla selezione di viscosità, grado API, ACEA, approvazione del produttore del veicolo e molti altri fattori. Allo stesso tempo, poche persone tengono conto delle caratteristiche fisiche degli oli e degli standard di qualità relativi al carburante utilizzato per il motore di un'auto o alle sue caratteristiche di design. Per motori turbocompressi e motori con equipaggiamento a gas, la selezione viene effettuata separatamente. È anche importante essere consapevoli dell'effetto negativo del carburante con una grande quantità di zolfo sul motore e come selezionare l'olio in questo caso.

Soddisfare:

  • Requisiti dell'olio motore
  • Viscosità e tolleranze
  • Standard ACEA
  • Opzioni di selezione aggiuntive
  • Motori che uccidono il petrolio
  • Oli per auto nuove e usate
  • Condizioni operative gravose
  • Olio motore turbo
  • La scelta dell'olio motore per un motore a gas

Che tipo di olio versare nel motore

Requisiti dell'olio motore

Per determinare esattamente quale olio versare nel motore dell'auto, vale la pena comprendere i requisiti che il fluido lubrificante dovrebbe idealmente soddisfare. Questi criteri includono:

  • elevate proprietà lavanti e solubilizzanti;
  • elevate proprietà antiusura;
  • elevata stabilità termoossidativa;
  • mancanza di effetti corrosivi sulle parti del motore;
  • capacità di conservazione a lungo termine delle proprietà operative e resistenza all'invecchiamento;
  • basso livello di rifiuti nel motore, bassa volatilità;
  • elevata stabilità termica;
  • assenza (o quantità insignificante) di schiuma in tutte le condizioni di temperatura;
  • compatibilità con tutti i materiali di cui sono costituiti gli elementi di tenuta del motore;
  • compatibilità con catalizzatori;
  • funzionamento affidabile a basse temperature, garantendo un normale avviamento a freddo, buona pompabilità in caso di gelo;
  • affidabilità della lubrificazione delle parti del motore.

Dopotutto, l'intera difficoltà della scelta è che è impossibile trovare un lubrificante del genere che soddisfi pienamente tutti i requisiti, poiché a volte si escludono semplicemente a vicenda. Inoltre, non esiste una risposta definitiva alla domanda su quale olio versare in un motore a benzina o diesel, poiché per ogni specifico tipo di motore è necessario selezionare il proprio.

Alcuni motori richiedono olio ecologico, altri sono viscosi o, al contrario, più liquidi. E per scoprire quale motore è meglio riempire, è imperativo conoscere concetti come viscosità, contenuto di ceneri, base e numero di acidità e come si riferiscono alle tolleranze delle case automobilistiche e allo standard ACEA.

Viscosità e tolleranze

Tradizionalmente, la scelta dell'olio motore viene effettuata in base alla viscosità e alle tolleranze della casa automobilistica. Su Internet, puoi trovare molte informazioni su questo. Ricorderemo solo brevemente che ci sono due standard principali: SAE e ACEA, in base ai quali l'olio dovrebbe essere selezionato.

Marcatura olio motore

Decodifica dettagliata di tutte le marcature sulla cartuccia dell'olio motore. Scopri cosa significa la marcatura degli oli motore API, SAE, ACEA, ILSAC e GOST per scegliere l'olio richiesto per un motore di auto

Più dettagli

Il valore di viscosità (ad esempio, 5W-30 o 5W-40) fornisce alcune informazioni sulle proprietà prestazionali del lubrificante, nonché sui motori in cui viene utilizzato (alcuni motori possono essere riempiti solo con determinati oli con determinate caratteristiche). Pertanto, è imperativo prestare attenzione alle tolleranze secondo lo standard ACEA, ad esempio ACEA A1 / B1; ACEA A3 / B4; ACEA A5 / B5; ACEA C2 ... C5 e altri. Questo vale sia per i motori a benzina che per quelli diesel.

Molti appassionati di auto sono interessati alla domanda su quale API sia migliore? La risposta sarà: adatta per un particolare motore.Esistono diverse classi per le auto attualmente prodotte. Per la benzina si tratta delle classi SM (per le auto prodotte nel 2004 ... 2010) e SN (per le auto prodotte dopo il 2010), il resto non sarà considerato in quanto considerate obsolete. Per i motori diesel, designazioni simili sono CI-4 e (2004 ... 2010) e CJ-4 (dopo il 2010). Se la tua macchina è più vecchia, devi esaminare altri valori in base allo standard API. E ricorda che non è desiderabile inserire oli più nuovi nelle auto vecchie (cioè, ad esempio, invece di SM, inserire SN). È necessario attenersi rigorosamente alle istruzioni della casa automobilistica (ciò è dovuto al design e all'equipaggiamento del motore).

Se, al momento dell'acquisto di un'auto usata, non si sa che tipo di olio ha riempito il precedente proprietario, ha senso sostituire completamente l'olio e il filtro dell'olio, nonché lavare il sistema dell'olio utilizzando strumenti speciali.

I produttori di motori automobilistici hanno le proprie approvazioni per l'olio motore (ad esempio BMW Longlife-04; Dexos2; GM-LL-A-025 / GM-LL-B-025; MB 229.31 / MB 229.51; Porsche A40; VW 502 00 / VW 505 00 e altri). Se l'olio soddisfa l'una o l'altra tolleranza, le informazioni al riguardo saranno indicate direttamente sull'etichetta del contenitore. Se la tua auto ha una tale tolleranza, è altamente consigliabile selezionare un olio che la corrisponda.

Questi tre parametri di selezione sono obbligatori e di base e devono essere rispettati. Tuttavia, ci sono una serie di parametri interessanti che consentono di scegliere l'olio ideale per un particolare motore di auto.

I produttori di olio aumentano la viscosità ad alta temperatura aggiungendo addensanti polimerici alla loro formulazione. Tuttavia, il valore di 60 è, in effetti, estremo, poiché l'ulteriore aggiunta di questi elementi chimici non ha senso e danneggia solo la composizione.

Gli oli a bassa viscosità cinematica sono adatti per motori nuovi e motori con piccoli passaggi dell'olio e fori (giochi). Cioè, il fluido lubrificante penetra in essi senza problemi durante il funzionamento e svolge una funzione protettiva. Se versi olio denso (40, 50 e anche di più 60) in un tale motore, semplicemente non sarà in grado di fuoriuscire attraverso i canali, il che a sua volta porterà a due tristi conseguenze. Innanzitutto, il motore funzionerà a secco. In secondo luogo, la maggior parte dell'olio entrerà nella camera di combustione e da lì nel sistema di scarico, cioè ci sarà un "bruciatore a nafta" e fumo bluastro dallo scarico.

Gli oli con una bassa viscosità cinematica sono spesso usati nei motori turbo e boxer (modelli più recenti), poiché lì, di regola, i canali dell'olio sono sottili e il raffreddamento è in gran parte dovuto all'olio.

Gli oli con viscosità ad alta temperatura di 50 e 60 sono molto spessi e sono adatti per motori con ampi canali dell'olio. Il loro altro scopo è quello di essere utilizzato in motori con elevato chilometraggio, che hanno grandi spazi tra le parti (o in motori di autocarri pesanti). Questi motori devono essere trattati con cautela e utilizzati solo se consentito dal produttore del motore.

In alcuni casi (quando la riparazione non è possibile per qualsiasi motivo), tale olio può essere aggiunto al vecchio motore per ridurre l'intensità del fumo. Tuttavia, il prima possibile, è necessario diagnosticare il motore e riparare, quindi riempire con l'olio consigliato dalla casa automobilistica.

Standard ACEA

ACEA - European Association of Automotive Manufacturers, che include BMW, DAF, Ford of Europe, General Motors Europe, MAN, Mercedes-Benz, Peugeot, Porsche, Renault, Rolls Royce, Rover, Saab-Scania, Volkswagen, Volvo, FIAT e altri ... Secondo lo standard, gli oli sono suddivisi in tre grandi categorie:

  • A1, A3 e A5 sono i livelli di qualità degli oli per motori a benzina;
  • B1, B3, B4 e B5 sono i livelli di qualità dell'olio per autovetture diesel e autocarri leggeri.

In genere, gli oli moderni sono universali, quindi possono essere riempiti sia nei motori a benzina che in quelli diesel. Pertanto, i contenitori dell'olio portano una delle seguenti designazioni:

  • ACEA A1 / B1;
  • ACEA A3 / B3;
  • ACEA A3 / B4;
  • ACEA A5 / B5.

Inoltre, secondo lo standard ACEA, ci sono i seguenti oli che hanno una maggiore compatibilità con i convertitori catalitici (a volte sono chiamati a basso contenuto di ceneri, ma questo non è del tutto vero, poiché ci sono campioni di cenere media e alta nella gamma).

  • C1... È un olio a basso contenuto di ceneri (SAPS - Ceneri solfatate, fosforo e zolfo, "ceneri solfatate, fosforo e zolfo"). Può essere utilizzato anche con motori diesel, che possono essere riempiti con oli a bassa viscosità, nonché con iniezione diretta di carburante. In questo caso, l'olio deve avere un rapporto HTHS di almeno 2,9 mPa • s.
  • C2... È di cenere media. Può essere utilizzato con motori con qualsiasi sistema di scarico (anche il più sofisticato e moderno). Compreso motore diesel con iniezione diretta di carburante. Può essere riempito in motori funzionanti con oli a bassa viscosità.
  • C3... Simile al precedente, è a media cenere, può essere utilizzato con qualsiasi motore, compresi quelli che consentono l'utilizzo di lubrificanti a bassa viscosità. Tuttavia, qui il valore HTHS è consentito non inferiore a 3,5 mPa • s.
  • C4... È un olio a basso contenuto di ceneri. Per tutti gli altri parametri, sono simili ai campioni precedenti, tuttavia, la lettura HTHS dovrebbe essere di almeno 3,5 mPa • s.
  • C5... La classe più moderna introdotta nel 2017. Ufficialmente, è cenere media, ma il valore HTHS qui non è inferiore a 2,6 mPa • s. Altrimenti, l'olio può essere utilizzato con qualsiasi motore diesel.

Inoltre, secondo lo standard ACEA, ci sono oli utilizzati nei motori diesel che funzionano in condizioni difficili (camion e macchine movimento terra, autobus e così via). Sono designati - E4, E6, E7, E9. A causa della loro specificità, non li prenderemo in considerazione.

La scelta dell'olio ACEA dipende dal tipo di motore e dal suo grado di usura. Quindi, i più vecchi A3, B3 e B4 sono adatti per l'uso nella maggior parte dei motori di auto che hanno almeno 5 anni. Inoltre, è del tutto possibile usarli con carburante domestico, non di altissima qualità (con grandi impurità di zolfo). Ma ha senso utilizzare gli standard C4 e C5 se si è sicuri che il carburante sia di alta qualità e soddisfi il moderno standard ambientale accettato Euro-5 (e ancor di più Euro-6). Altrimenti, oli di alta qualità, al contrario, "uccideranno" solo il motore e ridurranno la sua risorsa (fino alla metà del periodo calcolato).

L'effetto dello zolfo sul carburante

Ha senso soffermarsi brevemente sulla questione dell'effetto che lo zolfo nel carburante ha sul motore e sulle proprietà lubrificanti degli oli. Attualmente, uno dei sistemi (e talvolta entrambi allo stesso tempo) viene utilizzato per neutralizzare le emissioni nocive (in particolare i motori diesel) - SCR (neutralizzazione dei gas di scarico con urea) e EGR (ricircolo dei gas di scarico - sistema di ricircolo dei gas di scarico). Quest'ultimo reagisce particolarmente bene allo zolfo.

Il sistema EGR dirige alcuni dei gas di scarico dal collettore di scarico al collettore di aspirazione. Pertanto, la quantità di ossigeno nella camera di combustione viene ridotta, il che significa che la temperatura di combustione della miscela di carburante sarà inferiore. Ciò riduce la quantità di ossidi di azoto (NO). Tuttavia, in questo caso, i gas restituiti dal collettore di scarico hanno un'umidità elevata, ea contatto con lo zolfo presente nel carburante, formano acido solforico. A sua volta, ha un effetto molto dannoso sulle pareti delle parti del motore, contribuendo alla corrosione, compreso il blocco cilindri e gli iniettori unitari. Inoltre, i composti di zolfo in ingresso riducono la risorsa dell'olio motore riempito.

Lo zolfo nel carburante riduce anche la durata del filtro antiparticolato. E più è, più velocemente si rompe il filtro. La ragione di ciò è che il risultato della combustione è il solfato di zolfo, che tende ad aumentare la formazione di fuliggine incombustibile che successivamente entra nel filtro.

Opzioni di selezione aggiuntive

Gli standard e le viscosità con cui vengono selezionati gli oli sono informazioni necessarie per la selezione. Tuttavia, per effettuare una selezione perfetta, è meglio eseguire una selezione per motore. In particolare, considerando i materiali di cui sono fatti il ​​blocco e i pistoni, le loro dimensioni, il design e altre caratteristiche. Spesso la scelta può essere fatta semplicemente dalla marca del motore.

"Giochi" con viscosità

Durante il funzionamento della macchina, il suo motore si consuma naturalmente e lo spazio tra le singole parti aumenta e le guarnizioni in gomma possono passare gradualmente il fluido lubrificante. Pertanto, per i motori con elevato chilometraggio, è consentito utilizzare un olio più viscoso di quello precedentemente riempito. Ciò ridurrà anche il consumo di carburante, soprattutto in inverno. Inoltre, la viscosità può essere aumentata con una guida costante nel ciclo cittadino (a bassa velocità).

Al contrario, la viscosità può essere ridotta (ad esempio, utilizzando oli 5W-30 invece del 5W-40 consigliato) se l'auto guida spesso ad alte velocità in autostrada, o il motore gira a bassi regimi e carichi leggeri (non si surriscalda ).

Si noti che oli con la stessa viscosità dichiarata possono effettivamente mostrare risultati diversi da produttori diversi (ciò è dovuto, tra le altre cose, alla base di base e alla densità). Per confrontare la viscosità dell'olio in un garage, puoi prendere due contenitori trasparenti e riempirli fino in cima con diversi oli che devono essere confrontati. Quindi prendi due palline della stessa massa (o altri oggetti, preferibilmente aerodinamici) e contemporaneamente affogali in provette preparate. L'olio in cui la palla raggiunge il fondo più velocemente ha una viscosità inferiore.

È particolarmente interessante eseguire tali esperimenti con tempo gelido per comprendere meglio l'applicabilità degli oli motore in inverno. Spesso gli oli di bassa qualità si solidificano a -10 gradi Celsius.

Esistono oli particolarmente viscosi progettati per motori con chilometraggio elevato, ad esempio, Mobil 1 10W-60 “Specificamente progettato per veicoli 150.000 + km”, progettato per motori con un chilometraggio superiore a 150.000 chilometri.

È interessante notare che meno l'olio è viscoso, più va sprecato. Ciò è dovuto al fatto che più ne rimane sulle pareti dei cilindri e si brucia. Ciò è particolarmente vero se il componente del pistone del motore è notevolmente usurato. In questo caso, ha senso passare a un fluido lubrificante più viscoso.

Ha senso utilizzare un olio con una viscosità consigliata dalla casa automobilistica quando la vita del motore è ridotta di circa il 25%. Se la risorsa è diminuita del 25 ... 75%, è meglio usare l'olio, la cui viscosità è un valore più alto. Bene, se il motore è in condizioni di pre-revisione, è meglio usare un olio più viscoso o utilizzare additivi speciali che riducono il fumo e aumentano la viscosità a causa degli addensanti.

Esiste un test in base al quale si misura quanti secondi a temperatura zero dall'avviamento l'olio motore dal sistema raggiunge l'albero a camme. I suoi risultati sono i seguenti:

  • 0W-30 - 2,8 secondi;
  • 5W-40 - 8 secondi;
  • 10W-40 - 28 secondi;
  • 15W-40 - 48 sec.

In base a queste informazioni, l'olio con una viscosità di 10W-40 non è incluso in quelli consigliati per molte macchine moderne, in particolare quelle con due alberi a camme e un treno valvole sovraccarico. Lo stesso vale per i motori diesel con iniettore pompa prodotti dalla Volkswagen prima del giugno 2006. C'è una chiara tolleranza di viscosità di 0W-30 e una tolleranza di 506.01. Con un aumento della viscosità, ad esempio, a 5W-40 in inverno, gli alberi a camme possono essere facilmente danneggiati.

Non è desiderabile utilizzare oli con una viscosità a bassa temperatura di 10 W alle latitudini settentrionali, ma solo nelle regioni centrali e meridionali del paese!

Recentemente, le case automobilistiche asiatiche (e già alcune europee) hanno iniziato a sperimentare oli a bassa viscosità. Ad esempio, lo stesso modello di macchina può avere tolleranze dell'olio diverse.Quindi, per il mercato giapponese interno può essere 5W-20 o 0W-20 e per quello europeo (compreso il mercato russo) - 5W-30 o 5W-40. Perché sta succedendo?

Il fatto è che la viscosità è selezionata in base al design e al materiale di fabbricazione delle parti del motore, in particolare, la configurazione dei pistoni, la rigidità degli anelli... Quindi, per gli oli a bassa viscosità (auto per il mercato domestico giapponese), il pistone è realizzato con uno speciale rivestimento antifrizione. Inoltre, il pistone ha un diverso angolo di "canna", una diversa curvatura della "gonna". Tuttavia, questo può essere trovato solo con l'aiuto di strumenti speciali.

Ma quello che si può determinare ad occhio (smontando il gruppo pistone) è che nei motori progettati per oli a bassa viscosità, gli anelli di compressione sono più morbidi, meno elastici e spesso possono anche essere piegati a mano. E questo NON è un matrimonio in fabbrica! Per quanto riguarda gli anelli raschiaolio, hanno una minore rigidità delle lame raschianti principali, ci sono meno fori nei pistoni e sono più sottili. Naturalmente, se l'olio 5W-40 o 5W-50 viene versato in un tale motore, l'olio semplicemente non lubrificerà il motore normalmente, ma entrerà invece nella camera di combustione con tutte le conseguenze che ne derivano.

Di conseguenza, i giapponesi stanno cercando di rendere le loro auto da esportazione conformi ai requisiti europei. Questo vale anche per il design del motore, progettato per funzionare con oli più viscosi.

Di norma, un aumento della viscosità ad alta temperatura di una classe rispetto a quella raccomandata dal produttore (ad esempio, 40 invece di 30) non influisce in alcun modo sul motore ed è generalmente consentito (a meno che la documentazione non indichi esplicitamente il contrario) .

Requisiti moderni di Euro IV - VI

In connessione con i moderni requisiti ambientali, le case automobilistiche hanno iniziato ad equipaggiare le loro auto con un complesso sistema di depurazione dei gas di scarico. Quindi, include uno o due catalizzatori e un terzo (secondo) catalizzatore nell'area del silenziatore (il cosiddetto filtro al bario). Tuttavia, oggi tali auto praticamente non entrano nei paesi della CSI, ma questo è in parte positivo, perché, in primo luogo, è difficile trovare olio per loro (sarà molto costoso) e, in secondo luogo, tali auto richiedono la qualità di carburante.

Tali motori a benzina richiedono gli stessi oli dei motori diesel con un filtro antiparticolato, ovvero a basso contenuto di ceneri (Low SAPS). Pertanto, se la tua auto non è dotata di un sistema di filtrazione dei gas di scarico così complesso, è meglio utilizzare oli ad alta viscosità a cenere piena (a meno che le istruzioni non indichino esplicitamente il contrario). Poiché il cassetto cenere protegge meglio il motore dall'usura!

Diesel con filtri antiparticolato

D'altra parte, i motori diesel dotati di filtri antiparticolato richiedono oli a basso contenuto di ceneri (ACEA A5 / B5). esso requisito obbligatorio, non puoi compilare altro! In caso contrario, il filtro fallirà rapidamente. Ciò è dovuto a due fatti. Innanzitutto, se in un sistema con filtro antiparticolato vengono utilizzati oli di cenere completi, il filtro si intaserà rapidamente, poiché la combustione del lubrificante lascia molta fuliggine e cenere non combustibili, che entra nel filtro.

Il secondo fatto è che alcuni dei materiali di cui è composto il filtro (in particolare il platino) non tollerano gli effetti dei prodotti della combustione degli oli puri di cenere. E questo, a sua volta, porterà a un rapido guasto del filtro.

Sfumature di tolleranza - Soddisfa o approvato

Sopra c'erano già informazioni che è consigliabile utilizzare oli di quei marchi che hanno l'approvazione di case automobilistiche specifiche. Tuttavia, c'è una sottigliezza qui. Ci sono due parole inglesi: incontra e approvato. Nel primo caso, l'azienda che produce l'olio dichiara che i suoi prodotti presumibilmente soddisfano pienamente i requisiti di un particolare marchio automobilistico. Ma questa è una dichiarazione del produttore di petrolio, non della casa automobilistica! Potrebbe anche non saperlo. Cioè, questa è una sorta di mossa pubblicitaria.

Esempio di iscrizione di approvazione su un contenitore

La parola Approvato viene tradotta in russo come verificato, approvato.Cioè, la casa automobilistica ha eseguito direttamente i test di laboratorio pertinenti e ha deciso che gli oli specifici sono adatti ai motori che produce. In effetti, tale ricerca costa milioni di dollari, motivo per cui le case automobilistiche spesso risparmiano denaro. Quindi, solo un olio potrebbe essere stato testato e negli opuscoli è possibile trovare informazioni che l'intera linea è stata testata. Tuttavia, in questo caso, è abbastanza semplice verificare le informazioni. Devi solo andare sul sito ufficiale della casa automobilistica e trovare informazioni su quali oli e per quale modello ci sono le approvazioni appropriate.

Le case automobilistiche europee e mondiali eseguono test chimici sugli oli nella realtà, utilizzando apparecchiature e tecnologie di laboratorio. Le case automobilistiche nazionali seguono il percorso di minor resistenza, cioè negoziano semplicemente con i produttori di petrolio. Pertanto, vale la pena credere con cautela nelle tolleranze delle società nazionali (ai fini dell'anti-pubblicità, non nomineremo una nota casa automobilistica domestica e un altro produttore nazionale di oli che collaborano in questo modo).

Oli a risparmio energetico

Oggi si possono trovare sul mercato i cosiddetti oli "a risparmio energetico". Cioè, in teoria, sono progettati per risparmiare il consumo di carburante. Ciò si ottiene abbassando la viscosità ad alta temperatura. Esiste un tale indicatore - Alta temperatura / Alta viscosità di taglio (HT / HS). E per gli oli a risparmio energetico è compreso tra 2,9 e 3,5 mPa • s. Tuttavia, è noto che una diminuzione della viscosità porta a una minore protezione della superficie delle parti del motore. Pertanto, non puoi riempirli da nessuna parte! Possono essere utilizzati solo in motori appositamente progettati per loro.

Ad esempio, le case automobilistiche come BMW e Mercedes-Benz sconsigliano l'uso di oli a risparmio energetico. Ma molte case automobilistiche giapponesi, al contrario, insistono sul loro utilizzo. Pertanto, ulteriori informazioni sulla possibilità di riempire oli a risparmio energetico nel motore della tua auto dovrebbero essere trovate nel manuale o nella documentazione tecnica di una particolare auto.

Come fai a sapere che questo è un olio a risparmio energetico? Per fare ciò, è necessario utilizzare gli standard ACEA. Quindi, gli oli sono indicati A1 e A5 per i motori a benzina e B1 e B5 per i motori diesel sono efficienti dal punto di vista energetico... Altri (A3, B3, B4) sono normali. Si ricorda che la categoria ACEA A1 / B1 è stata cancellata dal 2016 in quanto considerata obsoleta. Per quanto riguarda ACEA A5 / B5, è espressamente vietato utilizzarli in motori di determinati modelli! La situazione è simile con la categoria C1. Attualmente è considerato obsoleto, cioè non viene prodotto ed è estremamente raro in vendita.

Olio motore Boxer

Il motore boxer è installato su molti modelli di auto moderne, ad esempio, su quasi tutti i modelli della casa automobilistica giapponese Subaru. Il motore ha un design interessante e speciale, quindi la selezione dell'olio è molto importante per questo.

La prima cosa che vale la pena notare è: Si sconsiglia di riempire liquidi a risparmio energetico ACEA A1 / A5 nei motori boxer Subaru... Ciò è dovuto al design del motore, ai maggiori carichi sul carter, ai perni stretti dell'albero motore e a un carico elevato sull'area delle parti. Quindi, per quanto riguarda lo standard ACEA, quindi è meglio rabboccare olio con un valore A3, cioè che il suddetto rapporto Alta temperatura / Alta viscosità di taglio era superiore al valore di 3,5 mPa · s. Scegli ACEA A3 / B3 (ACEA A3 /NON è consigliabile compilare B4).

I concessionari americani di Subaru sul loro sito ufficiale riferiscono che in condizioni di esercizio gravose dell'auto, è necessario cambiare l'olio ogni due riempimenti di un pieno di carburante. Se il consumo di rifiuti supera un litro per 2000 chilometri, è necessario eseguire un'ulteriore diagnostica del motore.

Lo schema del motore boxer

Per quanto riguarda la viscosità, tutto dipende dal grado di deterioramento del motore, nonché dal suo modello.Il fatto è che i primi motori boxer differiscono dalle loro controparti più recenti per le dimensioni delle sezioni trasversali dei canali dell'olio. Per i vecchi motori sono più larghi, per quelli nuovi, di conseguenza, sono più stretti. Pertanto, non è desiderabile versare olio troppo viscoso nel motore boxer dei nuovi modelli. La situazione è aggravata se c'è una turbina. Inoltre non necessita di un lubrificante molto viscoso per raffreddarlo.

Pertanto, la conclusione può essere fatta come segue: prima di tutto, interessati alle raccomandazioni della casa automobilistica. I proprietari di auto più esperti di tali auto riempiono nuovi motori con oli con una viscosità di 0W-20 o 5W-30 (in particolare, è rilevante per i motori Subaru FB20 / FB25). Se il motore ha un chilometraggio elevato o il conducente aderisce a uno stile di guida misto, è meglio inserire qualcosa con una viscosità di 5W-40 o 5W-50.

Un'auto sportiva come la Subaru WRX deve utilizzare un olio sintetico.

Motori che uccidono il petrolio

Oggi ci sono centinaia di diversi modelli di motori a combustione interna nel mondo. Per alcuni, l'olio deve essere versato più spesso, per altri meno spesso. E il design del motore influisce anche sull'intervallo di sostituzione. Ci sono informazioni su quali specifici modelli di motore effettivamente "uccidono" l'olio versato in essi, motivo per cui il proprietario dell'auto è costretto a ridurre significativamente l'intervallo di sostituzione.

Quindi, questi motori includono:

  • BMW N57S l6... Turbodiesel da tre litri. Il numero alcalino si riduce molto rapidamente. Di conseguenza, l'intervallo di cambio dell'olio viene ridotto.
  • Bmw n63... Anche questo motore, per il suo design, rovina rapidamente il fluido lubrificante, abbassandone il numero di base e aumentandone la viscosità.
  • Hyundai / KIA G4FC... Il motore ha un basamento piccolo, quindi il lubrificante si consuma rapidamente, il numero di base si siede, compaiono nitrazione e ossidazione. L'intervallo di sostituzione è ridotto.
  • Hyundai / KIA G4KD, G4KE... Qui, sebbene il volume sia maggiore, c'è ancora una rapida perdita delle sue prestazioni da parte del petrolio.
  • Hyundai / KIA G4ED... Simile al punto precedente.
  • Mazda MZR L8... Simile ai precedenti, imposta il numero di base e abbrevia l'intervallo di sostituzione.
  • Mazda SkyActiv-G 2.0L (PE-VPS)... Questo motore funziona secondo il ciclo Atkinson. Il carburante entra nel carter, facendo perdere rapidamente la viscosità all'olio. Ciò riduce l'intervallo di sostituzione.
  • Mitsubishi 4B12... Convenzionale motore a benzina a quattro cilindri, che, tuttavia, non solo abbassa rapidamente il numero di base, ma promuove anche la nitrazione e l'ossidazione. Lo stesso si può dire per altri motori simili della serie 4B1x (4B10, 4B11).
  • Mitsubishi 4A92... Simile al precedente.
  • Mitsubishi 6B31... Simile al precedente.
  • Mitsubishi 4D56... Un motore diesel che riempie l'olio di fuliggine molto rapidamente. Naturalmente, questo aumenta la viscosità e il lubrificante deve essere cambiato più spesso.
  • Opel Z18XER... Se utilizzi costantemente l'auto mentre guidi in modalità città, il numero di base diminuisce rapidamente.
  • Subaru EJ253... Il motore è boxer, imposta il numero di base molto rapidamente, motivo per cui si consiglia di ridurre il chilometraggio per la sostituzione a 5.000 chilometri.
  • Toyota 1NZ-FE... Costruito su uno speciale sistema VVT-i. Ha un piccolo basamento con un volume di soli 3,7 litri. Per questo motivo, si consiglia di cambiare l'olio ogni 5000 chilometri.
  • Toyota 1GR-FE... Il motore a benzina V6 abbassa anche il numero di base, favorisce la nitrazione e l'ossidazione.
  • Toyota 2AZ-FE... Anche realizzato secondo il sistema VVT-i. Riduce il numero di basi, favorisce la nitrazione e l'ossidazione. Inoltre, c'è un grande consumo di rifiuti.
  • Toyota 1NZ-FXE... Installato su Toyota Prius. Funziona secondo il principio Atkinson, quindi riempie l'olio di carburante, grazie al quale la sua viscosità diminuisce.
  • VW 1.2 TSI CBZB... Ha un basamento con un piccolo volume, così come una turbina. Per questo motivo, il numero di base diminuisce rapidamente, si verificano nitrazione e ossidazione.
  • VW 1.8 TFSI CJEB... Ha una turbina e iniezione diretta. Studi di laboratorio hanno dimostrato che questo motore "uccide" rapidamente l'olio.

Naturalmente, questo elenco è tutt'altro che completo, quindi se conosci altri motori che sono molto rovinosi per l'olio nuovo, ti invitiamo ad esprimere la tua opinione su questo nei commenti.

Inoltre, vale la pena notare che la maggior parte dei motori degli anni '90 (e anche di quelli precedenti) danneggia gravemente l'olio. In particolare, questo vale per i motori che soddisfano lo standard ambientale Euro 2 obsoleto.

Oli per auto nuove e usate

Come notato sopra, le condizioni del motore di un'auto nuova e usata possono essere molto diverse.Ma i moderni produttori di petrolio creano anche formulazioni speciali per loro. La maggior parte dei motori di design moderno ha canali dell'olio sottili, quindi è necessario riempirli con oli a bassa viscosità. Al contrario, nel tempo, il motore si consuma e gli spazi tra le sue singole parti aumentano. Pertanto, ha senso riempirli con fluidi lubrificanti più viscosi.

Nelle linee dei più moderni produttori di oli motore, esistono formulazioni speciali per motori "stanchi", cioè ad alto chilometraggio. Un esempio di tali formulazioni è il famigerato Liqui Moly Asia-America. È destinato alle auto usate che arrivano sul mercato interno da Asia, Europa e America. Tipicamente, tali oli hanno un'elevata viscosità cinematica, ad esempio XW-40, XW-50 e persino XW-60 (X è un simbolo di viscosità dinamica).

Tuttavia, in caso di usura significativa del motore, è meglio non utilizzare oli più densi, ma diagnosticare il motore e ripararlo. I fluidi lubrificanti viscosi possono essere utilizzati solo come misura temporanea.

Condizioni operative gravose

Sui contenitori di alcune marche (tipi) di oli motore c'è un'iscrizione - per i motori utilizzati in condizioni severe. Tuttavia, non tutti i conducenti sanno di cosa si tratta. Quindi, le difficili condizioni operative del motore includono:

  • guida in montagna o in cattive condizioni stradali su terreni accidentati;
  • traino di altri veicoli o rimorchi;
  • guida frequente negli ingorghi, soprattutto nella stagione calda;
  • lavorare a lungo ad alte velocità (oltre 4000 ... 5000 rpm);
  • modalità di guida sportiva (anche in modalità "sport" su cambio automatico);
  • utilizzare l'auto a temperature molto calde o molto fredde;
  • guidare l'auto quando si viaggia su brevi distanze senza riscaldare l'olio (particolarmente importante per temperature dell'aria negative);
  • l'uso di combustibili con un basso numero di ottani / cetano;
  • messa a punto (forzatura) del motore;
  • scivolamento prolungato;
  • basso livello dell'olio nel carter;
  • movimento prolungato nel tracciamento della scia (scarso raffreddamento del motore).

Se la macchina viene utilizzata spesso in condizioni operative gravose, si consiglia di utilizzare benzina con numero di ottano 98 e gasolio con numero di cetano 51. Per quanto riguarda l'olio, dopo aver diagnosticato le condizioni del motore (e anche tanto più se ci sono segni di funzionamento del motore in condizioni severe) ha senso passare a un olio completamente sintetico, avente comunque una classe di specifiche API superiore, ma con la stessa viscosità. Tuttavia, se il motore ha un chilometraggio significativo, la viscosità può essere aumentata di una classe (ad esempio, invece del SAE 0W-30 utilizzato in precedenza, ora è possibile compilare SAE 0 / 5W-40). Ma in questo caso, è necessario ridurre la frequenza dei cambi d'olio.

Dopo quanti km cambiare l'olio nel motore

L'intervallo di cambio dell'olio motore deve essere considerato in base alle condizioni operative, al chilometraggio dell'auto, alla qualità dei materiali di consumo e ad altri 7 fattori. La frequenza è di 8-12 mila km. indicatore generale

Più dettagli

Si prega di notare che l'uso di moderni oli a bassa viscosità nei motori funzionanti in condizioni severe non è sempre consigliabile (soprattutto se si utilizza carburante di bassa qualità e si supera la frequenza di cambio dell'olio). Ad esempio, l'olio ACEA A5 / B5 riduce la risorsa totale del motore quando si utilizza carburante domestico di bassa qualità (carburante diesel). Ciò è dimostrato dalle osservazioni dei motori diesel Volvo con iniezione common rail. La loro risorsa totale diminuisce di circa la metà.

Per quanto riguarda l'uso di olio facilmente evaporabile SAE 0W-30 ACEA A5 / B5 nei paesi della CSI (soprattutto con motori diesel), c'è un problema simile, che è che nello spazio post-sovietico ci sono pochissime stazioni di rifornimento in cui si può rifornire carburante di alta qualità di standard Euro-cinque.E a causa del fatto che il moderno olio a bassa viscosità funziona in tandem con carburante di bassa qualità, ciò porta a una significativa evaporazione del lubrificante e una grande quantità di olio per i rifiuti. Per questo motivo, è possibile osservare la carenza di olio del motore e la sua significativa usura.

Pertanto, la soluzione ottimale in questo caso sarebbe l'uso di oli motore a basso contenuto di ceneri Low SAPs - ACEA C4 e Mid SAPs - ACEA C3 o C5, viscosità SAE 0W-30 e SAE 0W-40 per motori a benzina e SAE 0 / 5W -40 per motori diesel a combustione interna con filtro antiparticolato quando si utilizza carburante di alta qualità. Parallelamente, ha senso ridurre la frequenza di sostituzione non solo dell'olio motore e del filtro dell'olio, ma anche del filtro dell'aria (in particolare, il doppio di quanto indicato per le condizioni di funzionamento della macchina nell'Unione Europea).

Pertanto, nella Federazione Russa e in altri paesi post-sovietici, ha senso utilizzare oli a media e bassa cenere con specifiche ACEA C3 e C4 in combinazione con carburante Euro-5. Questo può ridurre l'usura degli elementi del gruppo cilindro-pistone e del manovellismo, oltre a mantenere puliti il ​​pistone e la fascia elastica.

Olio motore turbo

Per un motore turbocompresso, l'olio è solitamente leggermente diverso dal solito "aspirato". Considera questo problema sulla selezione dell'olio per il popolare motore TSI prodotto dalla preoccupazione VAG per alcuni modelli Volkswagen e Skoda. Si tratta di motori a benzina con doppia sovralimentazione e sistema di iniezione “stratificato”.

Vale la pena notare. che esistono diversi tipi di tali motori con un volume da 1 a 3 litri di volume, nonché diverse generazioni. La scelta dell'olio motore dipende direttamente da questo. Le prime generazioni avevano una tolleranza inferiore (in particolare 502/505), mentre i motori di seconda generazione (rilasciati dal 2013 in poi) hanno già tolleranze 504/507.

Come accennato in precedenza, gli oli a basso contenuto di ceneri (Low SAPS) possono essere utilizzati solo con carburante di alta qualità (che è spesso un problema per i paesi della CSI). In caso contrario viene annullata la protezione delle parti del motore dal lato olio. Tralasciando i dettagli, possiamo dire questo: se sei sicuro di riempire il serbatoio con carburante di buona qualità, allora ha senso usare olio che abbia tolleranze 504/507 (ovviamente, se questo non contraddice le raccomandazioni dirette di il produttore). Se la benzina utilizzata non è molto buona (o non ne sei sicuro), allora è meglio inserire l'olio 502/505, più semplice ed economico.

Per quanto riguarda la viscosità, quindi inizialmente è necessario procedere dai requisiti della casa automobilistica. Molto spesso, gli automobilisti domestici versano oli con una viscosità di 5W-30 e 5W-40 nei motori delle loro auto. Non riempire un motore turbocompresso con olio molto denso (con una viscosità ad alta temperatura di 40 e superiore). In caso contrario, il sistema di raffreddamento della turbina verrà interrotto.

La scelta dell'olio motore per un motore a gas

Molti appassionati di auto equipaggiano le loro auto con apparecchiature a GPL per risparmiare carburante. Tuttavia, allo stesso tempo, non tutti sanno che se un'auto funziona a gas, è necessario tenere conto di diverse sfumature importanti quando si sceglie un olio motore per il suo motore.

Intervallo di temperatura. Molti oli motore che i produttori affermano essere ideali per i motori alimentati a gas hanno un intervallo di temperatura sulla confezione. E l'argomento principale a favore dell'utilizzo di un olio speciale è che il gas brucia a una temperatura più alta della benzina. In effetti, la temperatura di combustione della benzina nell'ossigeno è di circa + 2000 ... + 2500 ° C, metano - + 2050 ... + 2200 ° C e propano-butano - + 2400 ... + 2700 ° C.

Pertanto, ha senso preoccuparsi dell'intervallo di temperatura solo per i proprietari di auto che guidano con propano-butano. E anche allora, infatti, il motore raramente raggiunge temperature critiche, soprattutto in modo continuativo. E un olio motore decente può proteggere le parti del motore. Se hai installato il GPL per il metano, non c'è nulla di cui preoccuparsi.

Contenuto di ceneri.A causa del fatto che il gas brucia a una temperatura più elevata, c'è il rischio di aumentare i depositi di carbonio sulle valvole. È impossibile dire con certezza quanta più cenere sarà, poiché dipende da molti fattori, tra cui la qualità del carburante e dell'olio motore. Tuttavia, in ogni caso, è meglio utilizzare oli motore a basso contenuto di ceneri per motori con GPL. Sono etichettati sulla bombola con approvazioni ACEA C4 (è possibile utilizzare anche ceneri medie C5) o Low SAPS. Quasi tutti i noti produttori di oli motore hanno oli a basso contenuto di ceneri nella loro gamma.

Classificazione e tolleranze... Se confrontiamo le specifiche e le tolleranze delle case automobilistiche su lattine di oli a basso contenuto di ceneri e speciali "gas", noterai che sono uguali o molto simili. Ad esempio, per i motori funzionanti sia a metano che a propano-butano, è sufficiente la conformità alle seguenti specifiche:

  • ACEA C3 o superiore (oli a basso contenuto di ceneri);
  • API SN / CF (tuttavia, non è necessario guardare alle tolleranze americane in questo caso, poiché secondo la loro classificazione non esistono oli a basso contenuto di ceneri, ma solo oli "a media cenere" - Middle SAPS);
  • BMW Longlife-04 (opzionale, può essere qualsiasi altra ammissione automatica simile).

Uno svantaggio significativo dei "gas" a basso contenuto di ceneri è il loro prezzo elevato. Tuttavia, nella scelta dell'uno o dell'altro dei suoi marchi, va ricordato che in nessun caso la classe dell'olio riempito deve essere declassata rispetto a quella raccomandata dalla casa automobilistica.

Per motori speciali che funzionano esclusivamente a gas (non hanno componenti benzina), è obbligatorio l'uso di oli "gas". Ne sono un esempio i motori di alcuni modelli di carrelli elevatori da magazzino oi motori di generatori di gas naturale.

Di solito, quando si sostituisce l'olio "gas", gli automobilisti notano che ha una tonalità più chiara del classico fluido lubrificante. Ciò è dovuto al fatto che il gas ha meno particolato della benzina. ma questo NON significa che il "gas" olio debba essere cambiato meno spesso! Infatti, a causa del fatto che ci sono meno delle particelle solide menzionate nel gas, i detergenti fanno abbastanza bene il loro lavoro. Ma per quanto riguarda gli additivi EP e antiusura, funzionano allo stesso modo di quando il motore funziona a benzina. È solo che la loro usura non è visibile visivamente. Pertanto, l'intervallo di cambio dell'olio sia per il gas che per la benzina rimane lo stesso! Pertanto, per non pagare più del dovuto per un olio "gas" speciale, è possibile acquistare il suo analogo a basso contenuto di ceneri solo con tolleranze appropriate.